I 20 migliori dischi POP del 2020

La musica ai tempi del lockdown: afroamericana, elettronica e femminile, nella nostra classifica dei 20 migliori dischi pop del 2020

Run the Jewels - miglior album pop 2020
Run the Jewels
Articolo
pop

La musica ai tempi del lockdown: afroamericana, elettronica e femminile; ecco la nostra classifica dei 20 migliori dischi di rock, rap, elettronica, dance...

– Leggi anche: I migliori 20 dischi pop del 2019

– Leggi anche: I migliori 20 dischi jazz del 2019

– Leggi anche: I 10 migliori concerti classici del 2020

– Leggi anche: I 20 migliori dischi jazz del 2020

– Leggi anche: Le 10 migliori opere liriche del 2020

– Leggi anche: I 10 migliori dischi world e folk del 2020

 

 

1. Run The Jewels, RT4, Jewel Runners

Al solito in modalità “paga quanto vuoi”, il quarto album realizzato dal produttore bianco El-P e dal rapper nero Killer Mike consolida un’alchimia artistica dal potenziale elevatissimo, generando hip hop che ha portamento da “vecchia scuola” hardcore senza ritirarsi affatto nelle retrovie della nostalgia.

– Leggi la recensione del disco

Migliori dischi POP 2020 - Run the Jewels

2. Moses Sumney, græ Pt. 1 & 2, Jagjaguwar

Uscito in due parti tra febbraio e maggio, græ è un affresco complesso e coloratissimo, spruzzato di jazz, art rock e classica, con il falsetto di Sumney a proprio agio all’interno di una costruzione labirintica. Fra i collaboratori si segnalano l’onnipresente Daniel Lopatin, James Blake e Thundercat.

– Leggi la recensione del disco

3. Sault, Untitled (Black Is/Rise), Forever Living Originals

Due dischi pubblicati nel giro di appena tre mesi – il primo addirittura in download gratuito – dal misterioso collettivo con base a Londra. Musicisti in stato di grazia, fra tematiche sociali e una combinazione di suoni che abbraccia l’intero spettro della black music.

– Leggi la recensione del disco

4. Oneohtrix Point Never, Magic Oneohtrix Point Never, Warp

Secondo episodio della collaborazione fra il musicista statunitense e The Weeknd, qui coproduttore esecutivo, Magic vuole restituire la sensazione di una giornata di programmazione radiofonica: è l’occasione per ripercorrere sentieri già battuti e ipotizzare nuove direzioni, apparentemente più accessibili.

– Leggi la recensione del disco

5. Yves Tumor, Heaven to a Tortured Mind, Warp

Nel terzo album della serie, il nomade statunitense Sean Bowie offre black music insieme sperimentale e smaccatamente pop, servendo un cocktail di glamour e radicalità in cui convergono lo Sly Stone dei momenti tenebrosi, il Prince più malfamato e la memoria remota dello Shuggie Otis di Inspiration Information.

– Leggi la recensione del disco

6. Mourning [A] BLKstar, The Cycle, Don Giovanni

Jazz, soul e afrofuturismo politico per questo collettivo multimediale di Cleveland, che mette in scena le canzoni di una diaspora apocalittica e ripercorre la storia della black music immaginandone al contempo il futuro. La politica riparte se riesce a dare voce alle comunità: un messaggio opportunamente attuale.

– Leggi la recensione del disco

7. Bill Callahan, Gold Record, Drag City

Intitola un pezzo “Ry Cooder” e nell’iniziale “Pigeons” si presenta dicendo “Salve, sono Johnny Cash”, salvo concludere con “Cordiali saluti, L. Cohen”. Il nuovo lavoro del cinquantaquattrenne cantautore statunitense è un disco da sfogliare, come una raccolta di racconti di Carver musicata rievocando la Grande Tradizione Americana.

– Leggi la recensione del disco

8. Beatrice Dillon, Workaround, PAN

Incanalando i suoni di una vasta gamma di strumenti acustici (tabla, sax, violoncello, contrabbasso, kora) nei circuiti del laptop, per poi sezionarli e ricombinarli sul canone ritmico dei 150 Bpm, la produttrice britannica ricava musica da club stilizzata: simile per attitudine a un dipinto divisionista.

– Leggi la recensione del disco

9. Phoebe Bridgers, Punisher, Dead Oceans

Secondo album per la venticinquenne cantautrice californiana, artista (pre)destinata al successo che riformula con attitudine “millennial” e talento cristallino, dunque nitido e aguzzo, gli insegnamenti del Maestro Dylan e del compianto Elliott Smith, transitando dal Laurel Canyon abitato da Joni Mitchell.

– Leggi la recensione del disco

10. Agnes Obel, Myopia, Deutsche Grammophon

Il quarto disco dell’artista danese propone sofisticata musica da camera. Edita in febbraio, l’opera ha saputo superare brillantemente i dieci mesi successivi, conservando la sensazione di magia trasmessa al momento dell’uscita. Evanescenza, realtà “altra”, inquietudine: Myopia è tutto questo e altro ancora.

– Leggi la recensione del disco

Agnes Obel Myopia migliori dischi pop 2020

11. Fleet Foxes, Shore, Anti-

Pubblicato allo scoccare dell’equinozio d’autunno e corredato da un road movie d’impronta paesaggistica, il quarto atto discografico dei Fleet Foxes – ridotti nell’occasione al solo Robin Pecknold – espone argomenti da età adulta, riproponendo tuttavia l’immediatezza idilliaca degli esordi.

– Leggi la recensione del disco

12. Nazar, Guerrilla, Hyperdub

Nazar onora il padre ripercorrendo le vicende della guerra civile che per 27 anni ha sconvolto l’Angola. Gelido rough kuduro attraversato da lampi rumoristi e sintetizzatori industriali: un esordio sorprendente, dove i ricordi hanno contorni sfumati, come in certe produzioni del compagno d’etichetta Burial.

– Leggi la recensione del disco

13. Róisín Murphy, Róisín Machine, Skint

Il disco più allegro dell’anno, nonostante abbia suscitato in noi la nostalgia dei club e della nightlife. Underground disco e house a tratti addirittura euforiche: un messaggio di ottimismo recapitato nel momento più duro del lockdown. Meglio del Prozac.

– Leggi la recensione del disco

Róisín Machine migliori album del 2020 pop

14. The Weeknd, After Hours, XO

Fra R&B tossico e pop da classifica, Abel Tesfaye mette in musica alcuni dei suoi testi più schietti, ancorché disturbanti. Personaggio divisivo, da “prendere o lasciare”, ma al momento pochi cantano come lui e “Blinding Lights” è una canzone pop perfetta (da ascoltare il recente remix con il cammeo di Rosalía).

– Leggi la recensione del disco

The Weeknd migliori dischi pop 2020

15. Arca, KiCk i, XL

In copertina sembra Rosanna Arquette in Crash di Cronenberg e all’ascolto si dichiara immediatamente “nonbinary”. Arca è sinonimo di mutamento: anagrafico e sessuale, oltre che musicale. Dal radicale sperimentalismo degli esordi si sposta verso una dimensione quasi “pop”, con la benedizione di Björk e Rosalía.

– Leggi la recensione del disco

Arca migliori dischi pop 2020

16. Nick Cave, Idiot Prayer, Mute

Testimonianza di una performance dal vivo ai tempi del distanziamento, in solitudine all’Alexandra Palace di Londra: voce e pianoforte, nient’altro. L’ha definita: “Una preghiera nel vuoto”. E nell’unico inedito, “Euthanasia”, canta: “Perdendomi, ho trovato me stesso”.  Una bussola nei giorni del nostro smarrimento.

– Leggi la recensione del disco

Nick Cave Idiot prayer migliori dischi classifica 2020

17. Popcaan, Fixtape/YIY Change Fixtape, Unruly

Album dancehall dell’anno, che conferma Popcaan re del genere. Due versioni, una su disco e l’altra, più hardcore, su Soundcloud: la celebrazione di un artista che ha raggiunto il successo internazionale, realizzata coinvolgendo grandi nomi giamaicani e non, senza perdere freschezza e naturalezza tipicamente yardie.

– Leggi la recensione del disco

Popcaan migliori dischi pop 2020 classifica

18. Nicolás Jaar, Cenizas, Other People

«Mi sono isolato in quarantena da qualche parte agli antipodi per potermi concentrare sulla musica», ha spiegato l’autore ante Covid-19, citando quale fonte d’ispirazione Crescent di Coltrane ed evocando lo spleen elettronico di James Blake, l’esistenzialismo sperimentale dei Radiohead e l’astrattismo nottambulo di Burial.

– Leggi la recensione del disco

19. Pa Salieu, Send Them to Coventry, Atlantic

Un anno incredibile per il rapper di Coventry dalle origini gambiane: singoli in heavy rotation sulle frequenze della BBC, video con milioni di visualizzazioni e infine questo mixtape a confermarne il valore. Fra grime e dancehall, con il suo flow autorevole Pa Salieu ha conquistato credibilità da strada.

– Leggi la recensione del disco

Pa Salieu, Send Them to Coventry migliori album pop 2020 classifica

20. Calibro 35, Momentum, Record Kicks

Nel settimo album del supergruppo nostrano da esportazione si compie la transizione dall’epopea vintage dei “poliziotteschi” alla contemporaneità, riferita in particolare ai codici della black music. Simboleggia il mutamento la dotazione di voci, inedita o quasi per chi aveva creato finora musica strumentale.

– Leggi la recensione del disco

kjkj

 

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

pop

Lo speciale di capodanno della tv russa, Ciao 2020!, è un omaggio alla canzone e alla tv italiana degli anni ottanta

pop

Abbiamo scelto 10 canzoni di Natale veramente belle (più 3 bonus per migliorare l'umore), perché c'è vita oltre "Jingle Bells"

pop

Gli Extraliscio tra il Punk da da Balera e il festival, a 50 anni dalla morte di Secondo Casadei