I 20 migliori dischi WORLD e FOLK del 2019

La classifica dei 20 migliori album di folk e world music del 2019, dalla Finlandia alla Corsica

Sirom - migliori album world 2019 top 20 dischi
Širom
Articolo
world

Alla ricerca del meglio della musica folk e world del 2019... con un sospetto: la world music langue. Meno stagioni dedicate, meno pubblico (almeno in Italia), troppa patina esotica, e la consapevolezza che l'etichetta – etnocentrica per definizione – sia ormai usurata. Ma anche una nuova generazione di musicisti che fa musica da cittadini del mondo, grazie a relazioni internazionali e alla possibilità di ascoltare grazie alla rete a suoni da ogni angolo del pianeta. Tra Giappone, Slovenia, Africa e Regno Unito, ecco allora la nostra Top 20 folk e world, tutta da scoprire.

 

IL MEGLIO DEL 2018

I MIGLIORI DISCHI POP DEL 2019

I MIGLIORI DISCHI JAZZ DEL 2019

I MIGLIORI DISCHI WORLD DEL 2019

LE 10 MIGLIORI OPERE LIRICHE DEL 2019

I 10 MIGLIORI CONCERTI DI CLASSICA DEL 2019

 

 

1. Širom, A Universe that Roasts Blossoms for a Horse, tak:til / Glitterbeat

«Sembra folk ma non è», e bene così: il trio sloveno di polistrumentisti Širom (Ana Kravanja, Samo Kutin e Iztok Koren) fa musica difficilmente riconducibile a elementi della tradizione “orale” della loro terra di provenienza, e meno che mai alla patina globalista che affligge molti dischi di quel che resta della world music. Difficile anche limitare A Universe that Roasts Blossoms for a Horse a quest’etichetta, ma tant’è: un disco splendido, di un fascino senza tempo e senza luogo.

LEGGI LA RECENSIONE DEL DISCO DEI ŠIROM

Sirom - top 20 dischi world 2019

2. Roberta Alloisio & Stephane Casalta, Animantiga, Orange Home Records

Roberta Alloisio non ha fatto in tempo ad ascoltare quanto ha cantato per smuovere, ancora una volta, le acque salate del Mediterraneo. Era andata a caccia di radici tra Genova e la Corsica, le ha trovate e sparigliate assieme a Stephane Casalta e tante altre voci.

LEGGI LA RECENSIONE DEL DISCO DI ROBERTA ALLOISIO E STEPHANE CASALTA

Animantiga - top 20 migliori dischi world e folk 2019

3. Orchestra Bailam & Canterini, Trallalero Levantìn, Felmay

E se a Smirne, a Salonicco, a Instanbul si fosse cantato il trallalero, appoggiando il gioco vocale delle “squadre” genovesi in cerchio a corde e percussioni mediorientali? Sarebbe venuta fuori una musica così. Invenzione della tradizione? Di una tradizione almeno, sicuro. Credibile.

LEGGI LA RECENSIONE DEL DISCO DI ORCHESTRA BAILAM E CANTERINI

Trallalero - dischi world 2019 top 20

4.  Minyo Crusaders, Echoes of Japan, Mais Um Disco 

Per distacco, il premio per il disco più bizzarro del 2019: Echoes of Japan è quello che succede se una big band di dieci elementi si mette a rileggere le melodie folk del repertorio giapponese (detto min'yō) su un tappeto di cumbie, ritmi etiopici e boogaloo – che per giunta suonano come ristampe di vecchi dischi da crate diggers esotici.

Minyo Crusaders - top 20 dischi world 2019

5. Lankun, The Livelong Day, Rough Trade

Aria da respirare a boccate piene da una tradizione che spesso rischia qualche debito d’ossigeno, causa accumulo coatto di materiali nei decenni. Un quartetto dublinese che accanto ai traditional inventa anche strumentali azzardati, con perizia scaltrita. 

Lankum - Livelong Day - Top 20 dischi world e folk 2019

6. Our Native Daughters, Songs of Our Native Daughters, Smithsonian Folkways

Uno dei dischi più importanti degli ultimi anni nell’ambito della cosiddetta Americana: la all-star band guidata da Rhiannon Giddens mette insieme altre tre donne afroamericane (Amythyst Kiah dal Tennessee, la haitiano-americana Leyla McCalla, la canadese Allison Russell) per una riflessione a colpi di banjo su che cosa significa essere donna e afroamericana, nell’America di ieri – e di oggi. 

our native daughters- top 20 dischi world 2019

7. Altın Gün, Gece, Glitterbeat

Dal suono non si direbbe, ma dei sei membri degli Altın Gün, solo uno è effettivamente nato in Anatolia. Poco male: questo gruppo di olandesi omaggia la psichedelia turca – da Erkin Koray in giù – in un mix di chitarre fuzzose e sintetizzatori vintage. Irresistibile.

Gece - Altin Gun - top 20 dischi world e folk 2019

8. Mdou Moctar, Ilana: The Creator, Sahel Sound

Mdou Moctar, dal Niger, è divenuto noto al pubblico occidentale quando un suo brano è comparso nella compilation Music from Saharan Cellphones della meritoria etichetta Sahel Sound; è anche stato il protagonista del primo film mai girato in lingua tashelhit, il remake di Purple Rain intitolato Rain the Color Blue with a Little Red in It. Ora con Ilana: The Creator si impone definitivamente tra i guitar hero del rock tuareg, sulla scia di Bombino ma con una sua personalità ben riconoscibile.

Mdou Moctar - top 20 dischi world 2019

9. Aziza Brahim, Sahari ,Glitterbeat

Quasi vent’anni di esilio parigino da un Paese che esiste non sulle carte geografiche ma solo nei campi profughi possono dare voce intensa a chi non ne ha. Aziza è la voce dei Sahrawi, chi abita il Sahara Occidentale. Produce Amparo Sànchez.

Aziza Brahim - i migliori dischi world e folk 2019

10. Birkin Tree, Five Seasons, Felmay

Aoife Ní Bhríain è la stregante violinista che riattizza il piccolo incendio di suono dei Birkin Tree, quarant’anni di musica irlandese vista dal Sud d’Europa, continui interscambi con la madrepatria del cuore. Eleganza magistrale e una voce, Laura Torterolo, da tenere d’occhio.

LEGGI LA RECENSIONE DEL DISCO DEI BIRKIN TREE

Birkin tree - migliori dischi world 2019

11. Harp & A Monkey, The Victorians, Moonraker

Immaginate una ballata che sembra avere qualche secolo sulle spalle, e una voce ad hoc, incresparsi di acquatici fruscii elettronici, mentre una concertina commenta il tutto. Benvenuti nel futuro anteriore del folk inglese: era vittoriana, o tempo di Brexit?

Harp & a Monkey - top 20 dischi world 2019

12. Bantou Mentale, Bantou Mentale, Glitterbeat

Un altro titolo Glitterbeat – davvero la casa della musica più originale in ambito world in questi anni – per tornare in centro Africa, nel suono urbano di Kinshasa, filtrato a Parigi attraverso l’elettronica e il rock e riassemblato da Liam Farrell (già alla regia con Mbongwana Star). Suoni molto poco rassicuranti, per un’Africa molto poco da cartolina.

LEGGI LA RECENSIONE DEL DISCO DI BANTOU MENTALE

bantou mentale - migliori dischi del 2019 world e folk

13. Aino & Miihkali, Aino & Miihkali, Koistinen

La Finlandia non è il primo Paese che vi aspettate in una top delle musiche dal mondo, a meno che non si parli di voci sui quarti di tono. Facciamo ammenda con questo sorprendente duo che la voce la usa accoppiata a chitarra e a un tintinnante kantele.

MIgliori dischi world 2019

14. Park Jiha, Philos, tak:til / Glitterbeat

Piri, saenghwang, yanggeum e altri strumenti della musica tradizionale coreana compaiono in Philos, della giovane compositrice Park Jiha, a fianco di fiati e percussioni occidentali: nessuno indugio esotico o tentazione oleografica però. Piuttosto, una ricerca – minimalista e contemporanea – che parte da suoni, suggestioni e idee musicali “altre”.

LEGGI LA RECENSIONE DEL DISCO DI PARK JIHA

Park Jiha - il meglio del 2019 top 20 dischi world

15. Gran Bal Dub, Benvenguts a bòrd, Self

Le (immaginarie) aerolinee occitane promettono un viaggio intenso e tutto mentale, senza valli da violentare e kerosene da bruciare: Sergio Berardo dei Lou Dalfin e Madaski degli Africa Unite assieme. Senza limiti.

LEGGI LA RECENSIONE DEL DISCO DI GRAN BAL DUB

Gran Bal dub - top 20 dischi world 2019 migliori album

16. Jon Boden & The Remnant Kings, Rose in June, Hudson Records

C’erano una volta I travolgenti Bellowhead, folk rock inglese con fiati e intelligenza, ma poca fortuna. Oggi l’ex vocalist chiama a raccolta diversi ex sodali, lascia le ance sullo sfondo, archi e concertina prendono la scena. E la festa ricomincia.

Jon Boden - Migliori album world 2019 top 20

17. Flavia Coelho, Dna, Le Label/ PIAS

Mettete assieme reggae, hip hop, funk smuovi arti e scalda muscoli come non si sentiva da un po’. Aggiungete un pizzico di cumbia, e un ricordo totale del grande songwriting brasiliano. Tre anni in giro per il mondo. Poi, in pratica, la diva è servita.

Flavia Coelho, DNA - top 20 dischi world migliori album 2019

18. Kudsi Erguner, La Mélanconie Royale. Méditation Soufie, Seyir Music

Ce ne fossero, di malinconie regali così. Il mondo senz’altro si incamminerebbe su voluttuosi sentieri mistici e pacifici. Prendendo a guida, pifferaio di Hamelin con un flauto nay, il grandissimo Kudsi Erguner, ormai maestro senza confronti.

Erguner top 20 migliori dischi 2019 world

19. Carminho, Maria, Nonesuch Records

Al quinto disco, il primo ripreso dalla Nonesuch (l’edizione portoghese è della fine del 2018), la figlia d’arte Carminho (sua madre è Teresa Siqueira) smentisce il luogo comune che non si possano eguagliare genitori eccellenti. Lei lo ha fatto, con la creatività perentoria del nuovo fado. 

Carminho - Maria - top 20 album 2019 world music

20. Kronos Quartet & Mahsa and Marjan Vahdat, Placeless, KKV

Il nome del Kronos Quartet è garanzia, e questo disco della norvegese KKV ne documenta la collaborazione con le cantanti iraniane Mahsa e Marjan Vahdat, che canta parole di poeti iraniani vecchi (Rumi) e nuovi. La formula è nota, ma l'esito – acustico e insieme alieno, sempre spiazzante – ancora affascina.

Placeless - top 20 dischi world 2019

 

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

world

Il nuovo libro di Mauro Balma con Carlo A. Rossi, La monachella e le altre, (Nota) racconta gli incontri e gli scambi tra Liguria, Quattro Province e Val d'Aosta

world

È morto per Covid-19 in Zimbabwe Cosmas Magaya, maestro della mbira, che aveva contribuito a far conoscere nel mondo

world

Dopo il David di Donatello, e in attesa di vederlo in televisione, il film dell'Orchestra di Piazza Vittorio raccontato da Mario Tronco