l'Africa globale di Bantou Mentale

Bantou Mentale è album d’esordio del nuovo gruppo di Liam Farrell, alfiere del suono afro-tecnologico

Liam Farrell - Bantou Mentale
Disco
world
Bantou Mentale
Bantou Mentale
Glitterbeat
2019

Come riportato nel comunicato stampa dell’etichetta Glitterbeat dedicato a Bantou Mentale, «siete in un club parigino – il Djakarta, il Mbuta Lombi o il Lossi Ya Zala. Non proprio ovunque a Parigi ma in quel febbrile paesino africano chiamato Château Rouge, nel decimo arrondissement. Sembra di essere a Matongé, Kinshasa downtown, oppure al Grand Marché, in centro. Vi sentite a casa».

Bantou Mentale, la Parigi-Kinshasa di Doctor L

Il suono di Bantou Mentale è proprio questo: soukous e ndombolo passati attraverso il setaccio del rumore parigino, dell’hip hop, del funk psichedelico, del rock e della tecnologia occidentale. Château Rouge è Blade Runner in chiave africana: se ci abiti, spesso non hai i documenti, e allora automaticamente sei un cittadino del mondo e del mondo ascolti i ritmi e le musiche, li imbastardisci e li fai tuoi.

I quattro musicisti che hanno dato vita a questo gruppo non sono proprio dei pivellini: il batterista Cubain Kubeya ha fatto parte dei gruppi più interessanti usciti dalla Repubblica Democratica del Congo negli ultimi anni – Staff Benda Bilili, Konono No. 1, Jupiter & Okwess e Mbongwana Star; il chitarrista Chicco Katembo ha militato negli Staff Benda Bilili prima di trasferirsi a Parigi per stare vicino alla madre; il cantante Apocalypse è un ex-allievo dell’orchestra di Koffi Olomide, l’imperatore del soukous congolese contemporaneo, e Liam Farrell –  che qualche mese fa avevamo intervistato a proposito proprio del nuovo progetto Bantou Mentale – polistrumentista e produttore, vanta una serie impressionante di collaborazioni, dai Mbongwana Star a Tony Allen.

«Bantou Mentale non è un progetto, è una band: tre ragazzi neri, uno bianco. E chi se ne frega? Come disse il profeta e grande leader anti-colonialista congolese Simon Kimbangu quasi un secolo fa, il nero diventerà bianco e il bianco diventerà nero».

Dodici canzoni che affrontano temi quali quello dei clandestini rinchiusi nei centri di detenzione nel deserto (l’iniziale “Zanzibar” e la conclusiva “Sango”, a dare un senso circolare all’album), quello dell’incertezza feroce e dell’amicizia tra migranti (“Château Rouge”, già pronta a diventare l’inno dell’omonimo quartiere), quello del divertimento (“Papa Jo”, omaggio alle feste danzanti nelle case sgangherate di Kinshasa), quello dell’amore (“Suabala”, con il suo ritmo che arriva dalla grime) e quello delle conversioni forzate messe in atto dai missionari nei confronti dei bambini africani (“Boloko”).

Bantou Mentale è un viaggio all’interno dell’incertezza odierna ma è anche un viaggio nella gioia, la cui meta è il cuore della luce. Si viaggia rigorosamente senza bagaglio, bisogna essere cittadini di nessun luogo e contemporaneamente di ogni luogo.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

world

Corde e voci di Café Loti

In Taberna è il disco – cantato in sabir – del trio Cafè Loti, con Nando Citarella, Stefano Saletti e Pejman Tadayon

Guido Festinese
world

Carlo Aonzo, il mandolino oltre i cliché

Mandolitaly del Carlo Aonzo Trio mette insieme un parterre di ospiti, per raccontare le infinite potenzialità del mandolino italiano

Guido Festinese
world

Filippo Gambetta, organetto senza confini

Maestrale del Filippo Gambetta Trio passa con virtuosa leggerezza dal chorinho brasiliano alle alessandrine e alle bourrée

Guido Festinese