Curioso grand-opéra Hamlet di Ambroise Thomas, in scena dal 23 gennaio al Teatro Regio di Torino, perché nella sua fedeltà-infedeltà a Shakespeare regala al protagonista un lieto fine: uccisione di Claudius e successiva acclamazione del Principe di Danimarca come nuovo re.

Una regia vincente che mette d'accordo "modernisti" e melomani vecchio stampo: a Firenze al Teatro del Maggio Rodolfo, Mimi' e C. nella versione Anni Trenta creata nel 1994 da Jonathan Miller, sul podio Roberto Rizzi Brignoli

La stagione del San Carlo apre in controtendenza nell'anno dei centenari di Verdi e Bellini: Isabella Rossellini e Gérard Depardieu fra gli interpreti di Perséphone e Oedipus Rex di Stravinskij

Un Amico Fritz che enfatizza un'ambientazione rustica, di carattere neo-verista,vitale e duttile la prestazione di Cecilia Gasdia, Andrea Bocelli un po' incolore e vocalmente contenuto

In attesa di chiudere il ciclo del "Ring", programmato verso la fine del 2001, il Teatro "Verdi" di Trieste ha messo in scena ieri sera L'Olandese Volante, l'opera romantica della rivelazione wagneriana.

Successo della prima rappresentazione italiana di "Die ägyptische Helena" di Richard Strauss che ha inaugurato la stagione 2001 del Teatro Lirico di Cagliari.

Terzo titolo del cartellone lirico genovese, "I Puritani" costituisce l'atto d'omaggio del Carlo Felice a Bellini nel secondo centenario della sua nascita. Diretta da Vladimjir Spivakov (al suo debutto sul podio di un'opera), Mariella Devia è stata la grande protagonista della serata. Molto bene anche Erwin Schrott. Regia, scene e costumi portano la firma di Pierluigi Pizzi. Pizzi ha rinunciato ad una scenografia tradizionale e sfruttando le potenzialità del palcoscenico del teatro genovese, ha ideato un torrione ottagonale che sale, scende, ruota suggerendo alcuni dfferenti spazi.

Esperimento di messinscena per il Siroe di Haendel, Jorge Leville ha infatti espanso i tradizionali confini della scena invadendo pubblico e orchestra. Nello spettacolo totale la musica mantiene inalterati i suoi connotati grazie alla bravura dei cantanti e, soprattutto, al rigore filologico dell'orchestra diretta magistralmente da Andrea Marcon. Grande successo di pubblico.

Uno "Stiffelio" apprezzabile dal punto di vista musicale, ma drammaturgicamente non all'altezza del lavoro che l'opera di un Verdi minore - discontinuo e sperimentatore - richiedeva.

Nette contestazioni alla regia di Federico Tiezzi e più pacati ma indubitabili dissensi per la concertazione di Alessandro Pinzauti: anche se va registrato un ottimo successo per il cast a cominciare da Mariella Devia, Amina, la nuova edizione della Sonnambula di Vincenzo Bellini al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino è forse caduta vittima degli strascichi della sindrome di Sant'Ambrogio...

Spettacolo caratterizzato da una certa genericità di accento drammatico, da addebitarsi tanto alla direzione musicale di Angelo Campori che alla regia di Mattia Testi. Discreto il cast a eccezione del tenore Igniacio Encinas, buona sia l'orchestra che il coro.

Al suo debutto nella regia lirica con "Carmen", Pappi Corsicato ambienta la vicenda in un non-spazio teatrale: e il pubblico lo becca. Ottima prova di Norah Amsellem, convincono a metà Nadja Michael e Sergej Larin. Trascinante Daniel Oren.

Un Trovatore notturno e pacato ha inaugurato il 7 dicembre la stagione lirica e il centenario verdiano della Scala. Secondo filologia, niente do di petto, rispettosi pianissimo, ma anche poche emozioni e piccoli malumori in loggione.

Successo del "Barbiere di Siviglia" al Teatro Regio di Torino con una tradizionale regia di Ferruccio Soleri che rispetta i ritmi comici rossiniani, ottima la prova di Corrado Rovaris sul podio giunto solo tre giorni fa a sostituire l'indisposto Lodovico Zocche.

Successo a Bruxelles per l'opera di Poulenc con la regia di Olivier Py