I 20 migliori dischi WORLD e FOLK del 2018

La classifica dei 20 migliori album world e folk del 2018: canzone in Sardegna, elettronica in Maghreb, psichedelia in Turchia...

Elena Ledda - i migliori dischi world 2018
Elena Ledda (foto di Pierluigi Manca)
Articolo
world

I migliori dischi di world e folk del 2018: canzone, elettronica, ballo (folk e non), rock psichedelico, rumba, pizzica… Dalla Sardegna al Congo, dal Salento al Canada, il meglio delle musiche del mondo dell’anno che sta finendo: ecco a voi il best of del gdm, i 20 dischi folk e world più belli del 2018.

I 20 MIGLIORI DISCHI WORLD 2017

I 20 MIGLIORI DISCHI JAZZ 2018

I 20 MIGLIORI DISCHI POP 2018

LE 10 MIGLIORI OPERE LIRICHE 2018

I 10 MIGLIORI CONCERTI 2018

 

1. Elena Ledda, Làntias, S’Ard Music

Un disco ogni nove anni, non serve molto di più se si azzeccano tutte le canzoni e la produzione: perché Làntias di Elena Ledda, voce della Sardegna world, è un disco di canzoni. Delicate, dolci, da canticchiare – anche se non si conosce il sardo. 

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO DI ELENA LEDDA

i migliori dischi world del 2018

2. Yasmine Hamdan, Jamilat Reprise, Crammed

Quattro lustri fa era la metà esatta dei notevoli Soap Kills. Oggi un’incantevole signora libanese del suono mediorientale più aperto: anche alle riletture remix. E pure se a rileggere Jamilat e la sua voce c’è anche lei stessa, paradossalmente. Ma non troppo.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO DI YASMINE HAMDAN

i migliori dischi world del 2018 - Yasmine Hamdan

3. Baloji, 137 Avenue Kaniama, Bella Union

Tra rap e rumba congolese, il belga Baloji è la versione più underground di Stromae, e non si spiega come mai non sia ancora esploso nel mainstream. Ma è questione di tempo: un brano di questo 137 Avenue Kaniama è finito nella colonna sonora di Fifa 2017.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO DI BALOJI

i migliori dischi world del 2018 - Baloji

4. Angélique Kidjo, Remain in Light, Kravenworks

Rifare il disco capolavoro dei Talking Heads? Operazione oziosa, a meno che non ci si metta la diva Angélique Kidjo, associando nell’operazione gente come Ezra Koenig dei  Vampire Weekend, Devonté Hynes (alias Blood Orange) e il produttore di Kanye West e Rihanna Jeff Bhasker. Il risultato? Una bomba, che rilegge in chiave afrobeat – tra fiati e chitarre e citazioni di Fela – un disco che afro lo era in partenza. Riportando tutto a casa, insomma.

VAI ALLA RECENSIONE DEL LIVE DI ANGÉLIQUE KIDJO

i migliori dischi world del 2018 - Angelique Kidjo

5. Li Ucci Orkestra, Concerto alla Rimesa, Kurumuny

La piazza municipale di Cutufriano, la “Rimesa”, la gente che affolla ogni spazio. E sul palco in libera alternanza un  gruppo di cantori vecchi e giovani, con le voci antiche e freschissime. Sostenute in volo radente e ritmicamente congestionato da un’orchestra che spinge, sbuffa e scalpita, e canta essa stessa.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO DI LI UCCI ORKESTRA

i migliori dischi world del 2018 - Li Ucci

6. Ester Formosa & Elva Lutza, Cancionero, Felmay

Un sound originale basato su chitarra e tromba, la voce catalana di Ester Formosa, qualche tradizionale e qualche oscura cover dal repertorio della canzone d’autore – da Stefano Rosso a Bruno Lauzi – per il nuovo disco del duo sardo Elva Lutza.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO DI ELVA LUTZA & ESTER FORMOSA

i migliori dischi world del 2018 - Elva Lutza

7. Monsieur Doumani, Anghatin, autoproduzione

Freak folk da Nicosia per Monsieur Doumani, bizzarro trio tsouras-chitarra-trombone che racconta – fuori da ogni cliché – scazzi e gioie della gioventù alternativa cipriota.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO DI MONSIEUR DOUMANI

i migliori dischi world del 2018 - Monsieur Doumani

8. Xylouris White, Mother, Bella Union

Se il post rock fosse nato a Creta, suonerebbe come il duo Xylouris White, tra il lauto di Georgios Xylouris, erede di una famiglia di virtuosi, e la batteria di Jim White, uno dei migliori strumentisti della scena alternativa austrialiana e statunitense (già con i Dirty Three di Warren Ellis).

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO DI XYLOURIS WHITE

i migliori dischi world del 2018 - Xylouris White

9. Ammar 808, Maghreb United, Glitterbeat

Fuori da ogni cliché terzomondista, l’elettronica sporca del tunisino (ma di stanza a Bruxelles) Sofyann Ben Youssef – alias Ammar 808, in onore della celebre drum machine Roland – è semplicemente irresistibile, soprattutto dal vivo.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO DI AMMAR 808

i migliori dischi world del 2018 - Ammar 808

10. Dirtmusic, Bu Bir Ruya, Glitterbeat

Non tutte le cose del progetto Dirtmusic di Chris Eckman e Hugo Race hanno funzionato in passato. Questo capitolo dell’avventura, che dal Mali si sposta nella Istanbul dei Baba Zula, è invece riuscitissimo: rock-blues psichedelico che non mancherà di soddisfare anche i nostalgici.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO DEI DIRTMUSIC

i migliori dischi world del 2018 - Dirtmusic

11. Samurai, Te, Visage Music

Secondo disco per il supergruppo all-star dell’organetto diatonico, ora con Riccardo Tesi, Kepa Junkera, Markku Lepistö, David Munnelly e il giovane piemontese Simone Bottasso: per allargare le frontiere – del repertorio per lo strumento, e di quello che può fare.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO DEI SAMURAI

i migliori dischi world del 2018 - samurai

12. Emilyn Stam & Filippo Gambetta, Shorelines, Borealis Records

Le belle amicizie spesso producono anche grande musica. Quella tra l’organettista Filippo Gambetta e la violinista e pianista canadese Emilym Stam ha molti anni, molta musica alle spalle, e una scaturigine nel ricordo di un altro amico comune, Oliver Schroer. Un dialogo danzante e festoso che sembra una conversazione fitta.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO DI EMILYN STAM E FILIPPO GAMBETTA

i migliori dischi world del 2018

13. Raffaello Simeoni, Orfeo incantastorie, Finisterre

Nella nostra fretta inconcludente di volere tutto e subito, un clic e via, l’azzardo di scrivere e registrare un doppio cd che nessuno potrebbe avere il tempo di ascoltare è totale. Non è vero che non c’è il tempo: non c’è se non avete più voglia di ascoltare storie nuove e incantate che sembrano arrivare da tanto tempo fa.

i migliori dischi world del 2018 - simeoni

14. Marco Rovelli, Bella una serpe con le spoglie d’oro, Squilibri

Duro omaggiare Caterina Bueno, grande maestra del folk revival scomparsa nel 2007: Marco Rovelli ce la fa con classe, sottraendo più che aggiungendo, e trovando una sua personale via al repertorio della tradizione toscana.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO DI MARCO ROVELLI

i migliori dischi world del 2018 - Marco Rovelli

15. Altan, The Gap of Dreams, Compass Records

Mairéad Ní Mhanoaigh, con una benevola ostinazione che sembra sfidare ogni avversità da un trentennio tiene in vita la creatura musicale gaelica che prende il nome da un lago del Donegal. Ha voce di cristallo, e un violino che parla la lingua dell’erba e dell’acqua. E navigati compagni di avventure sonore. Classe superiore.

i migliori dischi world del 2018 - Altan

16. Officina Zoè, Incontri Live, Kurumuny

La cultura è fatta di incontri, non di lucchetti, fucili spianati, muri e tradizione intesa come filo spinato. Retorica? No, memento per i nostri tempi amari. Salutare antidoto dal Salento è l’Officina Zoè, non nuova a rimescolare le carte in gioco, al confronto con Mali, Egitto, Burkina Faso, Turchia, Mongolia, Lapponia.  

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO DI OFFICINA ZOÈ

i migliori dischi world del 2018 - Officina Zoe

17. Radiodervish, Il sangre e il Sal, Ala Bianca

Un disco nato col crowdfunding, e meno male che qualcuno se l’è inventata, questa formula. Sennò non avremmo questo ennesimo capitolo di una band veterana che odora di salmastro, di spezie, di commerci, di lingue mediterranee che si incrociano e che si comprendono, l’una con l’altra.

i migliori dischi world del 2018 - Radiodervish

18. Agricantus, Akoustikòs, CNI

A volte è necessario tornare sulle impronte che hanno lasciato i propri passi per ritrovare la strada e ripartire. Anche se si è in giro da quasi quarant’anni. Il nuovo è la voce luminosa di Anita Vitale, la trama storica Laguardia, Lo Cascio, Rivera, e tanti amici di suono di un’epoca fa come Enzo Rao. 

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO DEGLI AGRICANTUS

i migliori dischi world del 2018 - Agricantus

19. Riccardo Tesi & Banditaliana, Argento, Visage Music

Si dovesse mai assegnare un premio per la world music a un artista che mai, proprio mai ha fatto un passo falso o ha avuto un calo di creatività, il primo nome da cavare dal mazzo esiguo di carte  sarebbe Riccardo Tesi. L’organettista pistoiese con la sua Banditaliana è una palla di energia poetica che rotola senza intoppi. Oggi come un quarto di secolo fa.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO DI RICCARDO TESI E BANDITALIANA

i migliori dischi world del 2018 - Banditaliana

20. Lio, Lio canta Caymmi, Crammed

Lio, tre lettere una dopo l’altra, è una presenza musicale compatta, a dispetto del suo nome vero, Vanda Maria Ribeiro Furtado de Vasconcelos. Pochi oggi ricordano Dorival Caymmi, un gigante della musica popular brasileira: lo ha fatto lei, con una grazia gentile e sorridente, e un senso della misura spesso latitante negli omaggi.

VAI ALLA RECENSIONE DEL DISCO DI LIO

i migliori dischi world del 2018 - Lio Canta Caymmi

 

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

world

We Shall Not Be Moved: Voci e musiche dagli Stati Uniti (1969-2018) – libro con 4 cd – raccoglie 50 anni di ricerche di Alessandro Portelli

world

Che senso ha oggi parlare di canto spontaneo? Ce lo racconta Giovanni Floreani, direttore di uno strano "festival" in Friuli

world

Torna in ristampa il capolavoro di Manu Chao, con tre inediti: e la sorpresa è che è invecchiato benissimo