I 10 migliori CONCERTI del 2018

I migliori concerti di musica sinfonica dell'anno, i migliori solisti e i migliori direttori del 2018

MusicAeterna e Teodor Currentzis (foto Alte Oper Frankfurt & Tibor Pluto) - i migliori concerti 2018
MusicAeterna e Teodor Currentzis (foto Alte Oper Frankfurt & Tibor Pluto)
Articolo
classica

Il rito del concerto si ripete ma c’è ancora spazio per stupirsi. Le consacrazioni, le commemorazioni e i migliori talenti visti nelle scene concertistiche del 2018, i migliori solisti, i migliori direttori, i concerti sinfonici che ci ricorderemo: ecco il meglio dei concerti 2018.

I 10 MIGLIORI CONCERTI SINFONICI DEL 2017

LE 10 MIGLIORI OPERE LIRICHE DEL 2018

I 20 MIGLIORI DISCHI JAZZ 2018

I 20 MIGLIORI DISCHI FOLK E WORLD 2018

I 20 MIGLIORI DISCHI POP 2018

 

1. Teodor Currentzis e MusicAeterna 

Che si tratti di Beethoven o Rameau o Mahler i loro concerti sono sempre un evento. Currentzis spinge al massimo la straordinaria capacità tecnica della sua MusicAeterna. E con loro la classica fa ancora discutere. 

2. Santa Cecilia per Bernstein 

Leonard Bernstein non è una novità nei programmi di Accademia di Santa Cecilia da quando regna Pappano. Per il centenario, Pappano a Santa Cecilia presenta le tre sinfonie in due concerti per mettere a fuoco del poliedrico Bernstein la figura del compositore. 

3. Il ritorno a Bologna dell’Orchestra Mozart

Nove anni di grandi successi e, nel 2013, il silenzio per l’ultima creatura di Claudio Abbado. Allora Haitink accorse per sostituire l’amico gravemente malato e si spese negli anni successivi per farla sopravvivere. Nel 2017 arriva una mano dalla Fondazione Lugano Musica che l’accoglie in residenza e quest’anno Haitink la riporta a Bologna per un Festival che, si spera, le assicuri un futuro. 

Haitink Bologna - i migliori concerti del 2018
Bernard Haitink e l'Orchestra Mozart (foto di Marco Caselli Nirmal)

4. Il primo incontro di Luisi con l’Orchestra Sinfonica nazionale della Rai 

Due eccellenze italiane nel campo della musica classica si incontrano per la prima volta. L’orchestra è quella Sinfonica Nazionale della RAI e il direttore è Fabio Luisi. L’incontro a Torino è nel segno del profilo internazionale del direttore genovese e del virtuosismo orchestrale del giovane Richard Strauss. 

Luisi OSN - migliori concerti sinfonici del 2018
Fabio Luisi con la OSN

5. Lorenzo Viotti debutta alla Filarmonica della Scala 

Lorenzo Viotti ha 28 anni ma ha già il profilo del direttore d’orchestra di razza. Ha fatto scalpore al Premio per Giovani Direttori d’Orchestra di Salisburgo nel 2015 e già dirige nelle sale da concerto e in quelle d’opera di mezza Europa. È arrivato per la prima volta sul podio della Filarmonica della Scala con un programma variegato da Wagner a Skrjabin passando per Debussy e anche a Milano ha lasciato il segno. 

6. Aimard fa cantare gli uccelli di Messiaen 

Allievo di Yvonne Loriod, interprete fedele del pianismo di Messiaen, ma Pierre Laurent-Aimard arriva al Catalogue d’oiseaux dopo un lungo percorso artistico. A Francoforte l’ha proposto integralmente in tre momenti del giorno dall’alba al tramonto, e in tre luoghi urbani diversi ma prossimi alla natura. Per un’esperienza di ascolto diversa ma anche per avvicinarsi all’idea di Messian di dare ai suoi ascoltatori un’autentica esperienza di suono nello spazio. 

7. Sollima e il suono del ghiaccio 

In viaggio dalle Alpi del Trentino giù lungo lo stivale fino a Palermo dove l’effimero violoncello di ghiaccio si è dissolto nelle acque del Mediterraneo. N-ICE CELLO è il modo di Giovanni Sollima per far riflettere sull’acqua e sull’ambiente parlando la lingua della musica. 

Sollima Ice Cello - migliori concerti 2018

8. Anversa ricorda il maestro Zedda 

È stato il grande assente nell’anno del centocinquantenario di Rossini. Alberto Zedda ha fatto moltissimo per far conoscere al mondo il genio rossiniano prima di lasciarci nel 2017. Se ne sono ricordati (anche) a Anversa con un grande con un concerto per Rossini che avrebbe dovuto dirigere lui con molti giovani interpreti, come quelli nel quali lui ha sempre creduto. 

 Alberto Zedda - i migliori concerti del 2018
Alberto Zedda

9. Santa Cecilia trionfa in Germania con Anne-Sophie Mutter

Aveva 16 anni Anne-Sophie Mutter quando affrontò il Concerto per violino di Beethoven con i Berliner Philharmoniker e von Karajan. Quarant’anni dopo per lo stesso Beethoven la Mutter vuole accanto un’orchestra italiana, quella dell’Accademia di Santa Cecilia, e Antonio Pappano a Roma e per una breve ma trionfale tournée nel suo paese. 

Anne-Sophie Mutter - migliori concerti del 2018
Antonio Pappano e Anne-Sophie Mutter

10. Don Giovanni secondo l'Orchestra di Piazza Vittorio

Malgrado tutto c’è anche un’Italia multietnica e si fa sentire. L’Orchestra di Piazza Vittorio torna a Mozart e, dopo il Flauto Magico, rifà a suo modo il Don Giovanni. Il seduttore di Siviglia è una donna e il Mozart è ibridato con il jazz e il rock in questo Don Giovanni diverso e liberissimo, ma trattato con il rispetto che si deve al frutto del genio di Salisburgo. 

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

classica

Alpesh Chauhan, giovane bacchetta di Birmingham, dal 2017 è direttore principale della Filarmonica Arturo Toscanini di Parma: l'intervista

classica

È morto a Santa Barbara, in California, Alejandro Henrique Planchart, musicologo e musicista

classica

La responsabile artistica Lisa Navach racconta il programma del Monteverdi Festival 2019, fino al 1° giugno a Cremona