Sunn O))), verso lo Zen metal

Il nuovo album dei Sunn O))), Pyroclast, gemello del precedente Life Metal, è un assordante esercizio di meditazione

Sunn O))) nuovo album Pyroclasts
Disco
oltre
Sunn O)))
Pyroclasts
Southern Lord
2019

Sembra sia in voga l’uso di creare dischi “gemelli”: accade negli ambiti più diversi: dall’elettronica d’avanguardia di Tim Hecker (la doppietta giapponese Konoyo/Anoyo) all’indie rock dei Big Thief (U.F.O.F. e Two Hands, di cui abbiamo scritto recentemente). È adesso il turno dei Sunn O))), che a fine aprile avevano pubblicato Life Metal e rincarano ora la dose con Pyroclasts.

Sunn O))), la potenza non violenta

A cominciare dalle illustrazioni in copertina, firmate sempre dall’artista britannica Samantha Keely Smith, la relazione fra le due opere è strettissima: registrate entrambe nell’estate dello scorso anno a Chicago, negli studi Electrical Audio di Steve Albini, incaricato di produrle («Si è approcciato a noi come avrebbe fatto un regista cinematografico», hanno spiegato i due Sunn O))), esprimendo soddisfazione per il suo contributo).

Se tuttavia il materiale dell’album precedente era stato predisposto in parte prima di entrare in sala, questo è frutto viceversa delle sedute di libera improvvisazione – o composizione spontanea, volendo usare una terminologia jazzistica – con le quali i musicisti aprivano e concludevano le giornate di lavoro, dunque per acclimatarsi o scaricarsi. Al centro stanno le chitarre di Greg Anderson e Stephen O’Malley, da tre decenni abbondanti titolari del marchio Sunn O))), e intorno gli strumenti manovrati dai collaboratori: sintetizzatore analogico Moog Rogue (Tos Nieuwenhuizen), chitarra baritona (Tim Midyett), violoncello elettrico e haldorophone (Hildur Guðnadóttir).

È musica densa e magmatica, suggerisce l’intestazione, riferita al nome scientifico dei frammenti di roccia lavica, fonte di un’esperienza d’ascolto impegnativa ma affascinante: con l’impianto ad alto volume o, meglio ancora, in cuffia, dove se ne possono apprezzare le sfumature sovente appena percettibili, simili a graffiti incisi su un cavernoso muro del suono. I quattro episodi, ciascuno annotato con l’accordatura, rispettivamente Do, Sol, Mi e La, e designato da un singolo vocabolo ("Brina", "Regni", il neologismo botanico "Amplifedia" e "Ascensione", nella traduzione italiana), riaffermano il canone tipico del duo: massicci bordoni elettrici che evolvono in maestose forme dalla vastità sinfonica.

Annunciato dagli autori quale complemento “più meditativo” del predecessore e dedicato alla memoria di amici e compagni d’avventura scomparsi (il cantante di Seattle Ron Guardipee, l’ attrice francese Kerstin Daley-Baradel e Scott Walker, con cui realizzarono cinque anni fa Soused), Pyroclasts proietta il metal mentale dei Sunn O))) verso una dimensione zen.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

oltre

Le cartoline da Berlino degli Einstürzende Neubauten

Nel nuovo album Alles in Allem gli Einstürzende Neubauten disegnano una topografia concettuale della capitale tedesca

Alberto Campo
oltre

Morricone da riscoprire

Esce in ristampa per Wewantsounds la colonna sonora di Peur sur la ville di Ennio Morricone

Enrico Bettinello
oltre

Il corpo elettrico di Kaitlyn Aurelia Smith

Nell’album The Mosaic of Transformation la statunitense Kaitlyn Aurelia Smith tramuta il sintetico in organico

Alberto Campo