I 10 migliori dischi WORLD del 2021

Italia, Africa, Cipro, Brasile... il meglio delle produzioni musicali dal mondo di questo 2021

Migliori dischi world 2021
A Sud di Bella Ciao
Articolo
world

Ogni anno l’etichetta world music si svuota di un pezzo ulteriore di significato, e ogni anno – al momento di fare il nostro best of – ci chiediamo se abbia senso mantenerla ancora in uso. Per il momento, tiriamone fuori il meglio: 10 dischi splendidi, usciti nel 2021, che raccontano la varietà delle musiche del mondo.

– Leggi anche: I 20 migliori dischi POP del 2021

– Leggi anche: I 20 migliori dischi JAZZ del 2021

– Leggi anche: I 10 migliori dischi WORLD del 2020

1. A Sud di Bella Ciao, Visage

I capitoli secondi, i seguiti e via citando in genere vanno in genere poco oltre la soglia del “repetita iuvant”. Non succede, con la mirabile e affollata ciurma di musici navigati messi assieme da Riccardo Tesi. A ricostruire un credibile ma decisamente avvincente affresco di giochi di rimbalzo sulle tradizioni e le invenzioni in musica del nostro Meridione. Ripensando ai Cinquanta, Sessanta e Settanta, ma col cuore nell’oggi.

Leggi la recensione del disco

migliori dischi world 2021

2. Rodrigo Amarante, Drama, Polyvinyl

World music? Chi se ne importa, Drama di Rodrigo Amarante è un disco delizioso che, come i grandi dischi, migliora con gli ascolti. Tra il samba e gli Smiths, questo “tropicalista del XXI secolo” piacerà anche a chi, di norma, schifa la “musica brasiliana” (che, esattamente come world music, è etichetta che significa molto poco, vista la varietà del continente-Brasile).

Leggi la recensione del disco

migliori dischi world 2021

3. Khalab e M’berra Ensemble, M’berra, Real World

Contro gli stereotipi del tuareg-blues, Raffaele Costantino - aka DJ Khalab confeziona un disco in collaborazione con una all-star di musicisti sahariani, registrati nel campo di M’berra, in Mauritania. Elettronica scura, bassi e chitarre elettriche in una vera collaborazione alla pari.

Leggi la recensione del disco

dischi world 2021

4. Baba Sissoko, Griot Jazz, Caligola

La pentatonica nordafricana è il motore nascosto di tanto jazz, in un percorso carsico che raggruma cinque secoli. Il jazz d’oggi, d’altra parte, è tornato a casa in Africa da tempo. Il griot maliano Baba Sissoko ne è esempio vivente e qui, con l’apporto decisivo del pianoforte di Jean-Philippe Rykiel e lo strumentario subsahariano lo dimostra nella pratica. Con ammaliante poesia diretta.

migliori dischi world 2021

5. Mauro Palmas & Francesco Medda, Meigama, Meigama

La mandola di Mauro Palmas ha percorso vari sentieri “mediterranei”, sempre con grande originalità e, di fatto, inventando (o re-inventando) un suono “sardo” sullo strumento. Qui le corde di Palmas interagiscono con i soundscape – anch’essi “sardi” – di Francesco Medda, alias Arrogalla, venati di dub ed elettronica. Il risultato è particolarmente fresco e sfugge al già sentito: un buon modo di ancorare la musica al proprio territorio. Nota a margine: è un’esperienza da fare in cuffia; vi si riveleranno particolari nascosti.

dischi world 2021

6. Orchestre Tout Puissant Marcel Duchamp, We’re Ok But We’re Lost Anyway, Bongo Joe

World music? Avrete capito che non ci interessa più di tanto mettere dei paletti. L’Orchestre Tout Puissant Marcel Duchamp (a proposito: che nome fantastico è?) nasce a Ginevra intorno al 2006, intorno al contrabbassista Vincent Bertholet. L’impostazione è jazz, e potrebbe ricordare per alcuni versi la linea – oggi molto proficua – lanciata ad esempio da Fire! Orchestra, anche nel dialogo costante con il post-rock (soprattutto nelle strutture estese e ripetitive). L’Orchestre Tout Puissant però, fedele all’ispirazione del proprio nome, vira verso l’Africa del golfo, avendo bene in mente il modello di Konono N.1.

MIgliori dischi world 2021

7. Antonis Antoniou, Kkismettin, Ajabu!

Avevamo incontrato Antonis Antoniou come plettrista e voce del trio greco-cipriota Monsieur Doumani. A proposito: il loro album del 2021 per Glitterbeat, Pissourin, era pure tra i nostri preferiti (recuperatelo!). Al suo esordio solista, messo insieme durante il lockdown, Antoniou mette al centro il suo strumento (lo tsouras, taglio più piccolo del più noto bouzouki) costruendogli intorno un paesaggio di sintetizzatori ed elettronica. Disco urgente, grezzo, che piacerà molto ai nostalgici della psichedelia a base di corde doppie stile Baba Zula.

kkismettin migliori world 2021

8. Alessia Tondo, Sita, Ipe Ipe

Forse il miglior esordio da solista nel contraddittorio e instabile panorama della world music nostrana, baricentro nel Salento pugliese. L’intelligenza sonora di Alessia Tondo, che ricordiamo anche con il Canzoniere Grecanico Salentino (pure autore quest’anno di un ottimo album), spazia qui però dal recupero di fili ancestrali della sua terra a eleganti, morbidi riferimenti all’universo crepuscolare di certo folk rock inglese.

Leggi la recensione del disco

world music migliori album 2021

9. Omar Sosa, An East African Journey, Ota Records

Il pianista cubano Omar Sosa, pur visceralmente legato alla sua cultura musicale d'origine, peraltro presente nel jazz già dalle origini, è anche un musicista e intellettuale curioso del mondo. Vedi ad esempio le splendide avventure con Paolo Fresu. Qui si tirano le fila, invece, di incontri a tutto campo sul bordo orientale dell'Africa: dal Madagascar a salire, un universo sonoro ancora lontano dalle nostre orecchie.

Omar Sosa migliori album 2021

10. Frank London, Ghetto Songs, Felmay 

Frank London, una delle intelligenze più vive e mercuriali della “jewish renaissance” musicale  popular (e non solo: vedi alla voce Klezmatics) di certo non lesina le uscite discografiche. Questa, però, in collaborazione con la Casa della cultura ebraica di Venezia è decisiva, perché il concetto base del titolo diventa globale e spiazzante: da Benedetto Marcello ai War.

Leggi la recensione del disco

Migliori album 2021 world music

 

 

 

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

world

Avrebbe compiuto 50 anni oggi Fernando Barba, leader dei Barbatuques e maestro della musica corporea

world

Esce in italiano Jazz cosmopolita ad Accra di Steven Feld, affascinante viaggio nel cosmopolitismo musicale

world

Un cd di soundscape di Valentino Santagati e un documentario per "ascoltare" la Calabria