Bad Wildbad lascia e raddoppia

Il festival rossiniano della Foresta Nera cancella l’edizione regolare di luglio ma raddoppia l’offerta con un Rossini Virtual Festival in luglio e un minifestival dal vivo in settembre

News
classica
Bad Wildbad
Bad Wildbad

Lasciata ormai alle spalle l’edizione regolare prevista in luglio e rinviata al 2021, il festival Rossini in Wildbad raddoppia l’offerta al pubblico di appassionati di belcanto che ogni anno si ritrovano nel piccolo villaggio della Foresta Nera.

Dal 6 al 26 luglio si terrà la prima edizione del Rossini Virtual Festival. Nelle stesse date inizialmente previste sei produzioni del verranno diffuse in streaming in HD gratuitamente per 48 ore. Annunciato per ora solo il Guillaume Tell integrale del 2013 con la direzione di Antonino Fogliani, direttore musicale del festival rossiniano, e Michael Spyres nel ruolo di Arnold.

Dal 9 al 13 settembre è in programma il Rossini Mini Festival con un programma compatto di concerti e una produzione operistica da camera, cioè l’opera da salotto L'isola disabitata di Manuel García con un cast di giovani voci coprodotto con il Teatro Juliusz Słowacki di Cracovia. Il lavoro sarà eseguito per due sole recite l'11 e 12 settembre e un numero limitato di spettatori all’aperto sullo sfondo della Wildline, il ponte sospeso sulla collina del Sommerberg che domina Bad Wildbad. Nel cartellone, inoltre, i recital del soprano Silvia Dalla Benetta e del mezzosoprano Diana Haller oltre che diversi concerti da camera nel Padiglione Moresco e nella Kurplatz con numerose rarità rossiniane.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il critico musicale aveva fondato "Musica Viva"

classica

Il governo britannico vara un pacchetto di 1,57 miliardi di sterline per sostenere le arti

classica

A Palermo concerti e spettacoli da luglio a settembre nella sala del Massimo e nel Teatro di Verzura