Galleggiare su Davis

Il Gruppo di Ricerca sull'Improvvisazione Musicale in un omaggio elettrico

Recensione
jazz
Grim Camogli
07 Agosto 2011
Vent'anni senza Miles. Vent'anni senza il proficuo paradosso di una musica perennemente affacciata sul futuro, eppure radicata nella propria storia e in continua comunicazione col mondo delle note “popular”. Molte sono state, in Italia e nel mondo, le occasioni per celebrare il ventennale dalla scomparsa di Miles Davis. Sorprendente che una della più intense occasioni per ricordare il “Dark Magus” del jazz sia arrivata dal Grim, il Gruppo di ricerca sull'improvvisazione musicale ideato e diretto dal fagottista Alessio Pisani e dal trombettista Mirio Cosottini, entrambi musicisti in genere attivi nella più austera ricerca tra jazz e note classiche contemporanee. Pisani ha riunito in concerto a Camogli Non Linear Silence, un gruppo notevolissimo con il fratello Maurizio ai sintetizzatori (già animatore di notevoli gruppi jazz rock), Tonino Milano al piano elettrico, Marco Tindiglia alla chitarra, Claudio De Mattei al basso elettrico, Corrado “Dado” Sezzi alla batteria. De Mattei, è il caso di ricordare, fu a suo tempo leader di un gruppo ligure, i Quo Daevis, che proprio in omaggio a Miles elettrico suonava, ma che non ha lasciato tracce discografiche. L'occasione potrebbe essere questa: con il magnifico timbro aspro di Cosottini alla tromba che intelligentemente non cerca il calco mimetico di Miles, e il fagotto di Pisani chiamato a svolgere il ruolo che fu di Maupin al clarinetto basso nei gruppi di Davis. Impressionante la carica ritmica e funk di De Mattei e Sezzi, specialmente nel bis, incentrato sulla celeberrima "Jean Pierre": un supporto ideale per lasciar spazio, anche, alle chiazzate timbriche acidule dei sintetizzatori che, come boe di segnalazione, galleggiavano sul gran mare di musica del Miles elettrico.

Interpreti: Alessio Pisani - fagotto; Mirio Cosottini - tromba; Maurizio Pisani - sintetizzatori; Tonino Milani - pianoforte elettrico; Marco Tindiglia - chitarra elettrica; Claudio De Mattei - basso elettrico; Corrado "dado" Sezzi - batteria.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

jazz

Alla testa del nuovo quartetto Broken Shadows, Berne e Speed rileggono le proprie radici musicali

jazz

Il trio di David Grubbs, Mats Gustafsson e Rob Mazurek per un concerto memorabile a Padova

jazz

Il mito di Chet Baker rivive nella musica di Paolo Fresu e nello spettacolo di Leo Muscato e Laura Perini, al Parco della Musica (e in tour)