Le musiche della Fondazione “Giorgio Cini” nel 2022

Una nuova stagione concertistica all’Auditorium Lo Squero e diversi concerti di musiche orientali

News
classica
Auditorium Lo Squero (foto Matteo De Fina)
Auditorium Lo Squero (foto Matteo De Fina)

È stato annunciato dalla Fondazione “Giorgio Cini” di Venezia il programma delle iniziative culturali per il 2022 con un calendario ricco di appuntamenti che spaziano dalla storia dell’arte, alla musica, al teatro, al confronto tra tutte le discipline.

Nell’ambito delle attività musicali, L’Auditorium “Lo Squero” all’Isola di San Giorgio prosegue nel 2022 la sua attività consolidando i rapporti con i partner già avviati negli anni scorsi. Asolo Musica - Associazione Amici della Musica propone un calendario di 10 concerti dal 4 giugno al 10 dicembre 2022. Protagonisti della stagione: il Quartetto di Venezia, in residenza alla Fondazione Giorgio Cini dal 2017, la violinista Sonig Tchakerian, il violoncellista Mario Brunello, il pianista Uri Caine e il clavicembalista Roberto Loreggian. Le Dimore del Quartetto, in collaborazione con la Fondazione Gioventù musicale d’Italia e la Fondazione Walter Stauffer, propone una nuova stagione del progetto ARCHIPELAGO, percorso di crescita per giovani artisti attraverso un periodo di residenza e studio alla Fondazione Cini.

Nel programma delle manifestazioni musicali promosse dalla Fondazione “Cini” figurano anche un concerto del trio di percussioni giapponesi Munekaido, formato da Mugen Yahiro, Naomitsu Yahiro e Tokinari Yahiro e attivo dal 2014 (febbraio 2022), nell’ambito di Bîrûn un concerto con musiche del principe e musicista moldavo Demetrius Cantemir, vissuto alla corte ottomana per molti anni nel corso del XVII secolo (luglio 2022) e un concerto di musica armena con Gevorg Dabaghyan, uno dei massimi virtuosi del duduk, in trio con un altro suonatore di duduk e il tamburo dhol (novembre 2022). In occasione del convegno su Eranos, l’Istituto Interculturale di Studi Musicali Comparati organizza un concerto di canti di Rabindranath Tagore “Songs of love and destiny”, tradotti e arrangiati per canto e pianoforte da Alain Daniélou, con la cantante Francesca Cassio e il pianista Ugo Bonessi (novembre 2022).

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

 "Musica Spaziale – La musica policorale come strumento di seduzione sonora" è il progetto proposto dalla Associazione L’Homme Armé 

classica

Al gala al Teatro Réal di Madrid premiati, fra gli altri, i cantanti Sabine Devieilhe e Stéphane Degout, Daniele Rustioni per la direzione d’orchestra, il regista Stefan Herheim, lo scenografo Michael Levine e il mezzosoprano Janet Baker per la carriera

classica

Il passato del musicista rivive al presente