La scomparsa di Friedrich Cerha

Scompare a 96 anni uno dei pionieri della Neue Musik in Austria, noto per aver completato il terzo atto della “Lulu” di Alban Berg

News
classica
Friedrich Cerha (Foto Helmut Schaffler/Salzburger Festspiele)
Friedrich Cerha (Foto Helmut Schaffler/Salzburger Festspiele)

Il compositore e direttore d’orchestra austriaco Friedrich Cerha è morto a Vienna. Fra qualche giorno avrebbe compiuto 97 anni. Cerha era noto soprattutto per il completamento del terzo atto della Lulu di Alban Berg, presentato per la prima volta all’Opéra de Paris nel 1979 con la direzione musicale di Pierre Boulez, ma anche per il suo impegno nella diffusione della musica contemporanea in Austria attraverso il suo ensemble “die reihe” fondato nel 1958 con Kurt Schwertsik e la moglie Gertraud. “Il contributo di Friedrich Cerha alla Neue Musik in Austria non è secondo a nessuno; è stato una forza trainante della nostra vita musicale negli ultimi decenni. Il suo rango di compositore è del tutto incontestabile. Come fondatore di ensemble e sostenitore di giovani musicisti, Friedrich Cerha ha avuto un impatto significativo e noi gli dobbiamo il più profondo rispetto e gratitudine”, ha dichiarato Markus Hinterhäuser, sovrintendente del Festival di Salisburgo, che negli scorsi anni aveva commissionato importanti lavori al compositore.

Nato a Vienna nel 1926, Cerha si era dedicato fin da giovanissimo allo studio del violino e alla composizione, attività interrotte dopo l’arruolamento diciassettenne nelle truppe ausiliarie dell’aviazione del Terzo Reich, al quale si era sottratto disertando per due volte e dandosi alla clandestinità nelle Alpi austriache. Ripresi gli studi musicali alla fine della Seconda guerra mondiale, dopo il conseguimento del dottorato in musicologia e germanistica all’Università di Vienna Friedrich già a partire dagli anni ’50 Cerha si è dedicato con impegno alla diffusione della Neue Musik nel suo Paese attraverso il complesso “die reihe” ma anche all’interpretazione dei compositori della seconda scuola viennese e di Alban Berg in particolare. Il catalogo delle composizioni di Friedrich Cerha include sia lavori orchestrali che lavori per il teatro musicale. La sua opera Baal è stata presentata in prima assoluta al Festival di Salisburgo nel 1981. A questa sono seguite Der Rattenfänger e Der Riese vom Steinfeld, quest’ultima commissionata dalla Staatsoper di Vienna. Nel 2006 compone Impulse per i Wiener Philharmoniker in occasione del 150° anniversario dalla fondazione dell’orchestra.

All’attività di compositore, Friedrich Cerha ha affiancato anche quella di docente all’Università della Musica e delle Arti dello Spettacolo di Vienna in diverse riprese fino al 1988. Fra i suoi più noti allievi dei corsi di composizione ha avuto Georg Friedrich Haas e Gerald Barry fra gli altri.

In una conversazione in occasione del suo 90° compleanno, Friedrich Cerha ha detto: “Non ho mai composto perché speravo in una redenzione o per portare felicità all‘umanità. Ho fatto musica nello stesso modo in cui respiravo.”

 

 

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il 5 e il 6 giugno al Teatro Duse di Bologna la ripresa dell’opera di Rossini | IN COLLABORAZIONE CON ORCHESTRA SENZASPINE

classica

Succederà ad Enrico Dindo alla fine della stagione 2023/2024

classica

Il festival di Torino e Milano dal 7 al 22 settembre