Iván Fischer alla EUYO

Il direttore d’orchestra ungherese succede a Vasily Petrenko e manterrà gli attuali incarichi alla Budapest Festival Orchestra e alla Royal Concertgebouw Orchestra

News
classica
Ivan Fischer
Ivan Fischer

La European Union Youth Orchestra (EUYO) ha scelto il suo nuovo direttore musicale. Sarà l’ungherese Iván Fischer a prendere il posto che è stato per 10 anni di Vasily Petrenko, un lungo periodo segnato da numerosi successi e dalla crescita degli standard e della qualità delle performance dell’orchestra. “La prospettiva di un musicista del talento, della creatività e dell'umanità di Iván Fischer come nuovo direttore musicale della EUYO è semplicemente epocale e, in realtà, ha già aperto prospettive importanti per il futuro. Allo stesso tempo vorrei ringraziare Vasily Petrenko per dieci anni di lavoro astuto, emozionante ed esperto; professionista irreprensibile, ha davvero spinto l'EUYO a migliorare e a svilupparsi come orchestra” ha commentato Marshall Marcus, direttore esecutivo ed artistico della EUYO.

Iván Fischer manterrà i suoi incarichi attuali di direttore musicale della Budapest Festival Orchestra, di direttore ospite onorario della Royal Concertgebouw Orchestra e di direttore onorario della Konzerthausorchester di Berlino. Nel suo nuovo ruolo, Fischer sarà coinvolto nella pianificazione delle audizioni, della formazione artistica e dei concerti dell’Orchestra, in collaborazione con il direttore esecutivo e artistico della compagine orchestrale giovanile della UE.

Il primo impegno di Iván Fischer con l’EUYO arriverà a breve nella residenza estiva di Grafenegg nell’agosto 2024, seguito da una tournée a New York nell’ambito del festival WOW! e quindi al Bolzano Festival Bozen. Nell’ambito della decennale collaborazione fra EUYO e Budapest Festival Orchestra (BFO), è stato deciso di fondare una nuova European Orchestra Academy per formare i futuri manager nel campo della musica orchestrale, della musica da camera e della promozione musicale. Previsto anche un ampliamento della gamma di attività che i vedono coinvolti i giovani musicisti dell’EUYO con residenze in tutti i Paesi dell'UE. Il primo progetto che vedrà coinvolta l’Accademia sarà un concerto dell’orchestra che mette insieme i musicisti delle due compagini orchestrali nell’edizione 2024 del “Bridging Europe Festival” a Bruxelles e Budapest, le capitali dei due Paesi che detengono la presidenza dell'UE nel 2024.

“Ho fiducia nella nuova generazione, che cambierà il mondo. Il primo passo è richiedere l’ammissione all’EUYO. Il resto lo iniziamo ad agosto” ha dichiarato Iván Fisher nel ricevere la nomina.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il 23 luglio un esclusivo concerto per pianoforte, orchestra ed elettronica con lo YAS String Quintet

classica

Dal 23 agosto la nuova stagione concertistica trasmessa in diretta sulla Digital Concert Hall

classica

Dal 26 luglio all’11 agosto un ricco cartellone dedicato al tema “Memoria e Speranza”