Il primo Bayreuth Baroque 

Presentato il programma della prima edizione del festival con Carlo il Calvo di Porpora, Gismondo di Leo e numerosi recital 

News
classica
Max Emanuel Cencic
Max Emanuel Cencic

A pochi giorni dall’annuncio della nascita del nuovo festival, presentato il programma della prima edizione di Bayreuth Baroque in programma nella cittadina dell’Alta Baviera dal 3 al 13 settembre. Apertura all’Opera dei Margravi il 3 con Carlo il Calvo di Nicola Porpora in un nuovo allestimento curato dal direttore artistico del festival Max Emanuel Cencic con Julia Lezhneva, Franco Fagioli e lo stesso Cencic fra gli interpreti. L’esecuzione musicale è affidata all’ensemble barocco Armonia Atenea diretto da Georg Petrou (repliche: 5 e 8 settembre). La seconda opera in programma l’11 settembre ancora all’Opera dei Margravi sarà il Gismondo, Rè di Polonia di Leonardo Vinci, in forma di concerto, la cui esecuzione è affidata alla polacca {oh!} Orkiestra Historyczna diretta da Martyna Pastuszka e avrà come interpreti Max Emanuel Cencic , Dilyara Idrisova, Aleksandra Kubras-Kruk, Sophie Junker e Yuriy Mynenko (replica il 13 settembre). 

Opere a parte, Bayreuth Baroque propone anche numerosi recital di star del canto e dell’interpretazione barocca: Delphine Galou accompagnata dall’Accademia Bizantina diretta da Ottavio Dantone (4 settembre); Joyce DiDonato in “Gli antichi e i moderni” accompagnata dall’Ensemble Il Pomo d’Oro (6 settembre); Romina Basso in “Lamento” accompagnata dall’ensemble Latinitas Nostra nella Schlosskirche (9 settembre); Jordi Savall con Hespèrion XX in “L’Europa musicale” nella Stadtkirche (10 settembre); e Vivica Genaux in “Il divino sassone” con la Lauttney Compagney diretta da Wolfgang Katschner (12 settembre). 

Il programma completo è qui

 

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Chiusi per precauzione i teatri lombardi e di Milano per il Corona virus

classica

Premiati il francese Samir Amarouch, l’americana Catherine Lamb e l'italiana Francesca Verunelli 

classica

In conseguenza delle misure sull’immigrazione annunciate dal governo Johnson per Brexit anche i musicisti avranno bisogno di un visto