Ernesto Palacio confermato sovrintendente del ROF

Già ricopriva questo incarico dal 2017, il nuovo mandato arriva al 2026

News
classica
Ernesto Palacio
Ernesto Palacio

Ernesto Palacio è stato nominato sovrintendente del Rossini Opera Festival per il quadriennio 2023-2026, incarico che già ricopriva dal 2017. Ma la sua collaborazione col ROF era già iniziata nel 2016 in qualità di direttore artistico. La nomina è stata fatta dall’Assemblea degli Enti Fondatori a seguito di una procedura di manifestazione d’interesse ad evidenza pubblica, a cui poteva partecipare chiunque aspirasse all’incarico. Ciò significa che tecnicamente non si tratta di una semplice proroga ma di una nuova nomina e questo, come avviene nelle fondazioni lirico-sinfoniche, comporta la decadenza di una serie di figure legate al sovrintendente e da lui nominate. Pensiamo in particolare a Juan-Diego Florez, nominato direttore artistico nemmeno un anno fa, nel gennaio 2022. Ma vi sono pochi dubbi che il direttore artistico scelto dal nuovo sovrintendente sarà ancora Florez, legato a Palacio da un solido rapporto di amicizia e stima reciproche, non soltanto perché sono entrambi peruviani per nascita e tenori rossiniani per vocazione (ma Palacio, settantasei anni ben portati, ha ormai  lasciato le scene, mentre il quarantanovenne Florez è nel pieno della sua brillantissima carriera nei teatri di tutto il mondo) ma anche perché Palacio è stato per anni il rappresentante artistico di Florez (oltre che di tanti altri cantanti) e ne ha seguito e favorito la crescita artistica.

Intanto sono state rese note, e non da oggi, le opere scelte da Palacio e Florez per il festival 2023: la prima esecuzione moderna di Eduardo e Cristina (direttore Jader Bignamini, regista Stefano Poda), la nuova produzione di Adelaide di Borgogna (direttore Francesco Lanzillotta, regista Arnaud Bernard) e la ripresa di Aureliano in Palmira (direzione di George Petrou e regia di Mario Martone). Tra i concerti la Petite MesseSolennelle diretta da Michele Mariotti.

Il Presidente del ROF Daniele Vimini si è detto sicuro che la conferma di Ernesto Palacio “consentirà di proseguire il proficuo lavoro già in atto in vista del traguardo di Pesaro Capitale Italiana della Cultura 2024 e della sempre maggiore proiezione del Festival a livello internazionale. Palacio ha saputo tenere salde le redini del Festival anche in momenti durissimi come il biennio della pandemia, nel quale la nostra attività non si è mai fermata grazie a scelte coraggiose ed illuminate. Nel prossimo quadriennio avremo di fronte a noi nuove sfide, che affronteremo con fiducia e determinazione sotto la sua guida”.

 

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

A Bergamo dal 16 novembre 2023 al 3 dicembre, “Il diluvio universale”, “Alfredo il Grande” e “Lucie de Lammermoor” oltre a “LU Opera Rave” e “Il piccolo compositore di musica” del maestro Mayr nel festival dedicato al compositore

classica

A Düsseldorf consegnati gli annuali premi tedeschi per il teatro. Ad Achim Freyer il premio per la carriera

classica

Aspettando la prima del Boris Godunov al Teatro alla Scala, il Museo del Fumetto di Milano propone una mostra fra opera e fumetti