Yo Yo Mundi, gioia è rivoluzione

La rivoluzione del battito di ciglia è il nuovo, splendido, lavoro degli Yo Yo Mundi

 La Contorsionista / Felmay La rivoluzione del battito di ciglia Yo Yo Mundi
Foto di Ivano Antonazzo
Disco
pop
Yo Yo Mundi
La rivoluzione del battito di ciglia
La Contorsionista / Felmay
2021

Non è un principio apodittico, di quelli che non temono smentite e precisazioni: è una sensazione che pervade chi tiene in mano l'oggetto disco, e si prepara ad assaporarlo. O a restare magari anche parzialmente deluso. Un buon titolo difficilmente tradisce le aspettative: se è intenso, diretto, in qualche modo assertivo, per quanto vestito di poesia. Pensate a Anime Salve o La pianta del tè, o a Disoccupate le strade dai sogni. Il nuovo disco degli Yo Yo Mundi si intitola La rivoluzione del battito di ciglia, ed è un titolo che ti mette già in buona disposizione d'ascolto. Sembra alludere al fatto che, in piena crisi di ideologie (che significa poi il trionfo di quella ur-ideologia che è l'homo homini lupus in declinazione liberal-digitale, e fuori dai piedi tutto il resto), una scheggia di senso, di resistenza culturale nel senso nobile del termine, di riflessione che non sia un attimo o due di svogliatezza tra lo schermo dello smartphone e quello del pc possono esistere in un disco.

– Leggi anche: Yo Yo Mundi, la felicità normale

Paolo Enrico Archetti Maestri, con la sua voce corazzata di inquieta fragilità con questo lavoro, nato in crowdfunding, ci regala forse i suoi testi più diretti, riusciti e poetici di sempre. Un gran disco, venato di folk rock e di nobile canzone d'autore. Con melodie schiette e dirette, con interventi di ospiti che occupano nicchie precise e preziose: sono Marino Severini dei Gang, Maurizio Camardi intrepido cavaliere della world music, Giorgio Li Calzi che ha sempre saputo mettere assieme ricerca e comunicativa, ed ancora Alan Brunetta, Gianluca Magnani, Donatella Figus, Gianluca Vaccarino, e molti altri musicisti partecipanti a fiati, tasti e corde.

Un disco “resistente”, nel sua panoplia di significati: che resiste alla canea montante di canzoni vuote e vacuamente rabbiose, che resisterà all'usura del tempo perché parla di resistenza a un orizzonte fatto solo di merci e supermercati, perché racconta di filari di vite e di vino saporito, di gentilezza vera e non di cortesia affettata da signori, di resistenti della Val di Susa, di “occhi tiepidi di cani”, di ninnananne da re-inventare, di sorrisi e carezze senza melassa e zuccheri sintetici aggiunti.

Con archi robusti e flessuosi arrangiati da Chiara Giacobbe, con una ritmica tanto precisa quanto discreta. Hanno passato la boa dei trent'anni gli YoYo Mundi, e questo è il diciannovesimo disco. Il fiato è ancora tutto nella cassa toracica, le scarpe per camminare buone, gli strumenti accordati, la mente lucida. Si parte un'altra volta.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

John Murry: l’outsider perfetto

Il cantautore di Tupelo John Murry conferma il proprio valore nel terzo album, The Stars Are God’s Bullet Holes

Alberto Campo
pop

Moin, senza discussioni

Tra post punk ed elettronica, convince la collaborazione tra i Raime e Valentina Magaletti

Ennio Bruno
pop

L’Rain, la fatica del cambiamento

Fatigue è il secondo, affascinante lavoro di Taja Cheek, meglio conosciuta come L’Rain

Ennio Bruno