Surealistas tra Argentina e Italia

Canta è il disco dei Surealistas, quintetto tra tango, jazz e echi western

Surealistas
Disco
world
Surealistas
Canta
Musicastrada
2019

Negli anni Venti del “secolo breve, il Novecento, cosiddetto non tanto perché il tempo si contrasse, ma perché le accelerazioni della storia portarono a due guerre mondiali e a un totale riassetto geopolitico del pianeta, a Parigi furoreggiavano le avanguardie artistiche. Di queste il Surrealismo rappresentò uno spicchio sostanziale e decisivo, e assai affascinante, nel  momento in cui rivendicava le ragioni dell'automatismo del sogno a incidere sulle nostre esistenze reali. Chi ne cercasse traccia testimoniale può andarsi al leggere cosa ne scrisse la “scandalosa” Anaïs Nin nel secondo volume del suo ponderoso diario, quando ne conobbe il padre, André Breton. 

Le ragioni dell’inconscio onirico sicuramente c’entrano poco con la musica che propone questo notevole gruppo – Surealistas – che ne ricorda il nome in versione spagnola, ma inevitabile casca la battuta che un gruppo dove suonano assieme tre  musicisti argentini, due siciliani e tre toscani qualche tratto surreale in fondo ce l’ha. Scarto misurato tra la retorica dell’identità, e la realtà concreta di un mondo in cui chiunque può affrontare qualsiasi cosa, anche in musica, purché abbia preparazione e rispetto per la materia. 

Cultura, non natura e geni e spirali del DNA. Cultura elaborata in lunghi e vivificanti giri per l’Europa, e poi in una residenza artistica italiana  che evidentemente ha affinato e limato il progetto stesso, sino ad arrivare a questo “Canta”. In particolare qui, alla base, c’è un divorante amore per la musica argentina, specie per  tutte quelle declinazioni della stessa che confinano con i colorati reami della popular music. Operazione non molto distante da quanto hanno fatto in Brasile, per citare due nomi distinti di figure importanti separate dall’anagrafe, Caetano Veloso e Lenine. 

Quindi qui troverete un bel florilegio di brani d’impatto che si fissano nella memoria al primo ascolto, in uno strano, torrido territorio che mette in conto, ad esempio, echi di spaghetti western, milonghe d’antan, ricordi andini. Gran  mulinio di corde, voci all’altezza delle temperature emotive calienti intercettate, ottima mini sezione di fiati a rimpolpare il tutto con arrangiamenti calzanti. Chissà Breton cosa ne avrebbe pensato: forse avrebbe preferito sognarli.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

world

Širom, sembra folk ma non è

A Universe that Roasts Blossoms for a Horse è il terzo, magnifico, disco degli sloveni Širom

Jacopo Tomatis
world

Lo spleen sahariano dei Tinariwen

Il nuovo disco Amadjar è un ritorno alle radici per i tuareg Tinariwen, pionieri del “blues del deserto”.

Alberto Campo
world

Orchestra Bailam, il genovese lingua franca

Il nuovo Trallalero levantin, insieme ai Canterini genovesi, è una nuova tappa del percorso dell'Orchestra Bailam per il Mediterraneo

Guido Festinese