Quartelà, mediterraneo di Ponente

Il disco dei Quartelà, da Oneglia, rilegge suggestioni mediterranea in chiave choro, samba e bossa nova, tango

Quartelà
Disco
world
Quartelà
Canto di migranti
EdenP
2019

Un fatto è certo, nelle poco certe cose che riguardano la musica d’autore, e nella fattispecie quel ramo della stessa che mette in conto attenta considerazione del patrimonio orale delle note prima trasmesse per via orale, poi sul moltiplicatore alato del mercato e del folk revival: c’è chi lascia un segno forte, a volte fortissimo. Fabrizio De André con Crêuza de mä ha lasciato un segno che assomiglia a un solco, a un fossato che marca la distinzione tra un prima e un dopo Crêuza.

Non che non esistesse la considerazione per le note “tradizionali” (comunque le vogliate intendere) e “mediterranee”, prima dello storico disco della prima metà degli anni Ottanta: in tal senso il disco genovese e in genovese è più un prodotto, un esito, uno snodo necessario che un primum. Ma da primum ha funzionato: oggi chi mette mano a scrivere un testo, e sa già che la musica a vestirne i profili cantabili avrà influenze “etniche”, e “mediterranee”, per certi versi sa di ripercorrere le tracce di Pagani e De André. 

Non è un limite, naturalmente: ma una constatazione forte, soprattutto se si vive in quella striscia di terra avara affacciata sul mare e marcata  stretta dai monti che si chiama Liguria. E se i Mandillà con un articolato lavoro di ricerca e scrittura hanno ripercorso da levante le piste di pietre e mattoni salati di Crêuza, i Quartelà  propongono la stessa manovra da Ponente, da Oneglia, e gli esiti, anche questa volta, sono più che interessanti. I Quartelà sono nel nucleo più profondo Marcella Cortese, vocalist che si esprime in italiano, inglese e ligure ponentino e Flavio “Faffo” Bertuccio, polistrumentista specialista di svariate  corde moderne e antiche, con i percussionisti Giuseppe De Paola e Matteo Rebora.

Gli ospiti sono il fiatista Edmondo Romano, ex Avarta e Orchestra Bailam, dunque un frequentatore della prima ondata dei climax mediterranei, così come il chitarrista e flautista Michele Ferrari di Echo Art, qui impegnato però alla tromba, e, in un brano, il sitarista Ysmail Emanuele Milletti

La musica di Quartelà si muove tra suggestioni mediterranee e sinuosità latinoamericane  attinte da choro, samba e bossa nova, tango. Si parla di viaggi, voluti o necessitati, di mare e di scogli a cui ancorare sogni e idee, di nostalgie brade, di malinconie randagie che a volte prendono la forma della saudade, e a volte rammentano quel destino, fatum, che ha informato di sé il fado, e che oggi condiziona tutti gli “emigranti per forza”. Il tutto con grazia ed eleganza corposa. E il viaggio sulle “strade di mare” continua.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

world

Il futuro della chitarra battente

Il duo di Francesco Loccisano con Marcello De Carolis inventa nuove strade per la "battente", verso una nuova tradizione

Guido Festinese
world

Andrea Piccioni, tamburi senza frontiere

Tamburo e voce di Andrea Piccioni è un disco affascinante, incentrato sui molti possibili incontri dei tamburi a cornice

Guido Festinese
world

Tutta la museca di Nando Citarella

Nuovo lavoro per Nando Citarella e i suoi Tamburi del Vesuvio, all'incrocio tra Napoli e il mondo

Guido Festinese