Jaye P. Morgan, chi era costei?

Wewantsounds ristampa l'album della cantante e showgirl americana, blue-eyed soul di culto prodotto da David Foster

Jaye P. Morgan
Disco
jazz
Jaye P. Morgan
Jaye P. Morgan
Wewantsounds
2019

Sebbene a un pubblico italiano il nome di Jaye P. Morgan possa sembrare pressoché sconosciuto (o confondersi con quello di uno storico banchiere e di una storica banca americana), a consultare velocemente l’immancabile Bignami wikipedico si scopre che non stiamo parlando di una meteora.

Anzi: cantante, attrice, personaggio televisivo (tra le altre cose valletta di The Gong Show, dove mostrò anche le tette in un fuoriprogramma che le costò il posto), Jaye P. Morgan è stata (oggi, quasi novantenne, è in pensione) un’artista poliedrica e popolare nello show-biz a stellestrisce

(Ed ecco il video incriminato).

Tra le tante “imprese” della carriera della Morgan, gli appassionati di rare grooves si sono sempre principalmente interessati a un disco che porta semplicemente il nome della cantante – Jaye P. Morgan – uscito in una rara edizione nel 1976. Le quotazioni del vinile originali, secondo il borsino di Discogs, fluttuano tra i 150 e i 300€!

Ristampato in vinile solo in Giappone e poi riproposto unicamente in cd, il disco torna disponibile come lp grazia alla Wewantsounds, etichetta di cui già ci siamo occupati e che ripropone anche il libretto originale, ricco di foto.


L’interesse dei diggers per il disco della Morgan è sempre stato dettato ovviamente da altro che non la curiosità di sentire la popolare cantante alle prese con sonorità disco/funk. Registrato a Los Angeles, nei leggendari Sound City Studios, il disco infatti rappresenta uno dei primissimi lavori come produttore di David Foster, vero e proprio Re Mida della musica americana.

Per il disco Foster radunò alcuni dei migliori musicisti della scena cittadina, dal batterista Harvey Mason al chitarrista Jay Graydon (arrangiatore e braccio dietro al riff di “Figli delle stelle” di Alan Sorrenti!), da Ray Parker Jr. al sassofonista Ernie Watts, a Bill Champlin e ai Tower Of Power, alla ricerca di un sound che si avvicinasse a quello che Quincy Jones stava facendo negli stessi anni.

Missione compiuta: le nove canzoni del disco scorrono che è una meraviglia: blue-eyed soul raffinato, efficace e dettagliato, con Graydon che impazza e la voce della Morgan sempre bilanciata (sebbene non si tratti di una voce indimenticabile), tra lussuriose ballad e momenti altamente ballabili, ottima anche nelle riletture di “Can’t Hide Love” degli Earth Wind & Fire o di “Seems So Long” di Stevie Wonder, qui reintitolata “”It’s Been So Long”.

Una pregevole chicca pop-funk ritrovata, da riapprezzare in vinile. 

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

jazz

Keith Tippett, gigante del piano solo

La ristampa di The Unlonely Raindancer (con inediti) rivela il primo, straordinario tour in solo di Keith Tippett nel 1979

Enrico Bettinello
jazz

Hawkins e Webster, allievo e maestro

La ristampa in cd di Ben Webster Meets Coleman Hawkins, del 1957

Guido Festinese
jazz

Lo swing secondo Wayne Horvitz

Novara Jazz pubblica il Live at the Bimhuis della Wayne Horvitz European Orchestra

Nazim Comunale