Fairuz da riscoprire

La diva della canzone libanese Fairuz in una bella ristampa WeWantSounds

Fairuz - Wahdon
Disco
world
Fairuz
Wahdon
Wewantsounds
2019

Anche se probabilmente a molti risulterà oggi semi-sconosciuto, quello della libanese Fairuz è un nome di culto della scena musicale mediorientale del Novecento, un nome paragonabile per popolarità a quello dell’egiziana Umm Kulthum.

La sua relazione (sentimentale e professionale) con Assi Rahbani dei Rahbani Brothers l’aveva proiettata rapidamente, durante gli anni Sessanta, verso un ampio riconoscimento internazionale, culminato nel 1971 con il concerto alla Carnegie Hall, nonché a vederla protagonista di musical e programmi televisivi seguitissimi.

Un’emorragia cerebrale improvvisa mette praticamente fine alla carriera di Assi, ma il figlio della coppia, Ziad Rahbani (figura anche questa di centrale importanza nella vita culturale libanese), prende in mano la situazione e a poco più di vent’anni produce nel 1978 il primo disco per la madre, un lavoro intitolato Wahdon, che significa “sola”.

Disco emblematico nel passaggio da sonorità tradizionali a un sound più contemporaneo, fortemente tinto di sfumature funk e disco, Wahdon viene ora ristampato dalla WeWantSounds e non lascerà delusi quanti amano questi mondi espressivi.

Wewantsounds, il piacere della riscoperta

Se infatti l’iniziale "Habaitak Ta Neseet Al Naoum" ("ti ho amato così tanto da scordarmi di dormire”, che titolo fantastico!), la ipnotica “Baatilak” e la sognante "Ana Indi Haneen", con i loro archi e le percussioni, sembrano richiamare agli anni d’oro della canzone mediorientale, le ultime due tracce del disco, “Al Bosta” e “Wahdon”, aprono scenari groovy decisamente più urbani e occidentali.

“Al Bosta” racconta un viaggio in un bus rovente, insieme all’amato, il tutto con un bel mood disco-funk che non ha lasciato indifferenti i diggers (è stato campionato ad esempio dal rapper francese Abd al Malik), mentre la title-track è un ballatone arioso di jazz che consente a Fairuz di mettere in campo tutte le sfumature della fantastica voce. 

La collaborazione con il figlio Ziad proseguirà negli anni successivi e lo stesso Ziad nel 1978 produrrà Abu Ali, un 12” di pura delizia lebanon-disco, anch’esso recentemente ristampato da WeWantSounds.

Da riscoprire!

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

world

Filippo Gambetta, organetto senza confini

Maestrale del Filippo Gambetta Trio passa con virtuosa leggerezza dal chorinho brasiliano alle alessandrine e alle bourrée

Guido Festinese
world

Širom, sembra folk ma non è

A Universe that Roasts Blossoms for a Horse è il terzo, magnifico, disco degli sloveni Širom

Jacopo Tomatis
world

Lo spleen sahariano dei Tinariwen

Il nuovo disco Amadjar è un ritorno alle radici per i tuareg Tinariwen, pionieri del “blues del deserto”.

Alberto Campo