Andrea Piccioni, tamburi senza frontiere

Tamburo e voce di Andrea Piccioni è un disco affascinante, incentrato sui molti possibili incontri dei tamburi a cornice

Andrea Piccioni - Tamburo e voce
Disco
world
Andrea Piccioni
Tamburo e voce
Visage Music
2020

Questo di Andrea Piccioni è un disco affascinante e riuscito, che se dovesse trovare una collocazione spaziale nella vostra discoteca (fisica, si intende: i bit non conoscono distanze né lontananze, e non è detto che sia un bene, oltre quello di non accumulare polvere) dovrebbe andare, di diritto, accanto ai lavori degli ultimi anni di Alfio Antico. Tamburo e voce, ci precisa il titolo, a indicare il grumo essenziale, il motore fisico ed emozionale che tiene in movimento l'intera macchina del suono dove intervengono Vincent Noiret alla chitarra battente e al contrabbasso, Pierfrancesco Mucari al sax soprano e allo scacciapensieri, Yinon Muallem a oud e cümbüş, Matthias Haffner a pandeiro e berimbau, Sirojiddin Juraev al dutar, il liuto a due corde originario della Persia.

Piccioni, poi, maneggia (con molto gusto), oltre a tamburi tradizionali da ogni latitudine e metalli sonori anche una panoplia di devices elettronici, che spesso intervengono a esaltare o smorzare frequenze.

Dunque, la densità di “tamburo e voce” andrà intesa come cuore centrale, attorno al quale si dipanano mille rivoli sonori, e su uno spettro geografico che evidentemente accorpa l'Occidente e l'Oriente, per stendere sotterranee ife di armonici fin dall'altra parte dell'Oceano, il Brasile “afroamericano” di pandeiro e berimbau, strumenti calcati notoriamente su diretti progenitori africani.

Troverete qui composizioni per chitarra battente e canti sul tamburo, una sorta di piacevolissima disfida in 7/8 tra tamburello e scacciapensieri da un lato, pandeiro e berimbau dall'altro, un salterello dell'Aniene con campionature di zampogna, un duetto dutar - tamburello, un canto sul cupa cupa a frizione che incrocia il tintinnio dell'oud arabo e del cümbüş turco, dal suono metallico così vicino al banjo, un jahaptall, ciclo ritmico della tradizione afgana e indiana in dieci. Le sorprese timbrico-strumentali sono a ogni brano. Tiene assieme il tutto la voce rotonda e matura di Andrea Piccioni, e soprattutto le sue mani ubique su pelli, metalli e cursori. Una gioia per ascoltatori che detestano i passaporti di legittimità stilistica e i controlli estetici alla dogana.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

world

Il futuro della chitarra battente

Il duo di Francesco Loccisano con Marcello De Carolis inventa nuove strade per la "battente", verso una nuova tradizione

Guido Festinese
world

Tutta la museca di Nando Citarella

Nuovo lavoro per Nando Citarella e i suoi Tamburi del Vesuvio, all'incrocio tra Napoli e il mondo

Guido Festinese
world

Baba Sissoko, il ritorno del blues mediterraneo

Il Mediterranean Blues di Baba Sissoko è diventato un progetto, e ritorna in un nuovo disco per Caligola

Guido Festinese