Lisbon Beat, il suono dell'Africa portoghese

Un film (Lisbon Beat, visibile per il festival Seeyousound) e una playlist per scoprire la musica del Portogallo black

Lisbon Beat - Seeyousound
Lisbon Beat
Articolo
world

Mouraria, Chelas, Cova da Moura, Bela Vista, Quinta do Mocho, 6 do Maio, Amadora, Casal Ventoso, sono alcuni dei quartieri periferici di Lisbona. Sorti a partire dalla metà degli anni Settanta, sono abitati soprattutto da persone provenienti dalle ex-colonie portoghesi in Africa, e hanno portato le loro tradizioni, i loro cibi e le loro musiche.

Il docufilm Batida de Lisboa / Lisbon Beat di DJ Rita Maia e Vasco Viana ci porta a conoscere i posti e i personaggi che hanno dato vita alla nuova scena musicale di Lisbona, fatta di afrohouse, batida, kuduro, elettronica e creole rap.

Lisbon Beat sarà visibile in streaming per il festival Seeyousound di Torino.

Il 25 aprile 1974 settori dell’esercito insorgono e in maniera non cruenta pongono fine al regime fascista instaurato nel 1933 da Antonio Salazar, a cui nel 1970 succede Marcelo Caetano: è quella che passerà alla storia come Revolução dos Cravos, la Rivoluzione dei Garofani.

Uno dei pilastri del regime è lo sfruttamento delle colonie africane dell’Angola, del Mozambico, della Guinea-Bissau, di São Tomé e Príncipe e di Capo Verde; con il ritorno della democrazia, le colonie ottengono rapidamente l’indipendenza, frutto di lunghe guerre che hanno sfibrato e impoverito il Portogallo e creato i presupposti per la fine della dittatura. Comincia la diaspora e ben presto le periferie di Lisbona diventano oggetto di un’urbanizzazione selvaggia che dà vita a ecomostri che conferiscono un’aria poco rassicurante ai quartieri: mancano i servizi essenziali e ben presto alcune di queste aree diventano delle favelas. Negli ultimi anni non sono mancati i tentativi di riqualificazione ma siamo ancora distanti da risultati apprezzabili.

– Leggi anche: I 10 film imperdibili di Seeyousound 2021

È in questi quartieri che negli ultimi anni si è sviluppata una nuova scena musicale che ha portato Lisbona sulle mappe del clubbing internazionale, dai block party al club nonché etichetta discografica Príncipe prima, e al Barbican e alla Camden Assembly poi, grazie ad artisti come DJ Nigga Fox, DJ Marfox, DJ Firmeza e DJ Nervoso.

Il primo fu ospite dell’edizione del 2018 di Club to Club e per l’occasione preparò per la rivista Bleep un warm-up mix che vi riproponiamo.

La musica è un mix di digitale e analogico, nuovo e vecchio, Macbook Pro e software per il music editing, ma anche strumenti tradizionali come il ferrinho, una barra di metallo raschiata da un altro oggetto di metallo per produrre un rumore vibrante e ipnotico, e la kora, strumento a corde tipico della tradizione dell’Africa occidentale.

Lisbon Beat è anche un documentario sull’identità e sulla difficoltà ad essere accettati, sulla lotta per ottenere il giusto riconoscimento o anche solo un permesso di soggiorno o un passaporto, sulla fatica di essere africani nati in Portogallo, ma anche sulla creatività, sul divertimento e sulla musica come strumento di riscatto.

P.S. Per chi vuole approfondire l’argomento, ecco una breve discografia consigliata:

DJ Nigga Fox – Crânio EP (WARP)

DJ Nigga Fox – Cartas na Manga (Principe)

Pedro – Da Linha (Enchufada)

A.k.Adrix - Código De Barras (Principe)

DJ Firmeza – Ardeu (Principe)

DJ Marfox – Chapa Quente EP (Principe)

E terminiamo con un romanzo, In culo al mondo (Einaudi) dello scrittore António Lobo Antunes, in cui i miti giovanili e borghesi del protagonista si frantumano di fronte alla violenza e alla follia della guerra in Angola, il “Vietnam portoghese”.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

world

Intervista con il produttore tunisino Nuri, fresco di pubblicazione del notevolissimo Irun

world

La classifica dei migliori album folk e world, dal Portogallo al Sudafrica passando per la Sicilia

world

Un profilo della cantante mozambicana: «l’improvvisazione è il coraggio di continuare»