Gli anni dei Solas

Il più importante gruppo irish degli Stati Uniti celebra il ventennio di attività

Articolo
world

Solas
All These Years
Thl Records

“Tutti questi anni”: la retorica del “come eravamo e come siamo ora” deve cedere il passo, nel casi dei Solas, a ragionamenti che sappiano lanciare il cuore ben oltre l'ostacolo del luogo comune. Perché il ”come eravamo” e il come sono” dei Solas è per davvero un filo ininterrotto di intelligenza musicale, capacità applicata, entusiasmo anche quando le condizioni di mercato sembrerebbero farlo apposta, a negare le occasioni, e caparbietà nel saper gestire uno smisurato patrimonio di competenze.

Vent'anni di Solas, significa, semplicemente, che il miglior gruppo di folk acustico progressivo di “irlandesi d'America” mette un punto a capo decisivo per il futuro di queste note. Hanno convocato, attraverso un lungo lavoro di mediazioni e tessitura, pressoché tutti i magnifici musicisti che sono passati per il gruppo, ad esempio John Williams, John Doyle, Karan Casey: con tutte le difficoltà del caso, con tutta la gioia del ritrovarsi evidente nella luminosità sontuosa di questa incisione, anche quando i tratti attingono recondite malinconie: ad esempio nello struggente profilo melodico di "Lay Me Down", affrontato dall'ugola di Moira Smiley.



Sedici le tracce, quella che intitola il tutto (ed è puro struggimento) la trovate saggiamente posizionata in coda, quasi un arrivederci al prossimo ventennio di note da festeggiare. Prima, preparatevi a un viaggio ora quieto, ora adrenalinico (ma senza mai cadere nel gratuito virtuosismo della velocità fine a se stessa) tra banjo e fiddle, mandolini e chitarre, bodhran e bouzouki, concertine e fisarmoniche. Con giochi di incastro fra le corde che lasciano deliziati. E su tutto, la grazia di voci femminili di cristallo e d'ambra, un pezzo dell'Isola di smeraldo che vive nei grandi spazi Oltreoceano.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

world

L'etichetta di Samy Ben Redjeb riscopre tesori vintage dal continente africano (e non solo): il best of di Analog Africa da ascoltare

world

Gli album dei tunisini Deena Abdelwahed e Ammar 808 proiettano il Nordafrica verso il futuro

world

I lavori del congolese Petite Noir e di JP Bimeni, dal Benin, raccontano due nuovi percorsi della musica africana