Con Cherubini alle sorgenti del grand opéra

Il Palazzetto Bru Zane aggiunge un nuovo titolo alla collana “Opéra français”: Les Abencérages di Luigi Cherubini in uscita l’11 novembre

Les Abéncerages (foto Jázon Kováts)
Les Abéncerages (foto Jázon Kováts)
Articolo
classica

«Le Loro Maestà Imperiali e Reali hanno assistito ieri sera al Teatro dell'Opera alla prima rappresentazione di Les Abencérages. Il pubblico era molto numeroso ed estremamente sfolgorante. Le Loro Maestà sono apparse nella loro loggia verso la metà del primo atto; la sala ha subito risuonato di acclamazioni unanimi, che si sono ripetute quando le Loro Maestà si sono ritirate alla fine dello spettacolo». Così riferisce la “Gazette de France” datata 8 aprile 1813 della festosa accoglienza riservata alla prima dell’opera il 6 aprile all’Académie impériale de musique alla presenza dell’imperatore Napoleone e della consorte Maria Luisa. L’opera del ritorno di Luigi Cherubini all’Opéra dieci anni dopo Anacréon ou l'amour fugitif godette di un notevole successo dopo la prima, come confermano le quasi venti repliche che seguirono.

Quasi un grand-opéra ante litteram, questo lavoro monumentale è la manifestazione della tendenza alla grandeur dell’opera francese di inizio del XIX secolo, come anche, ad esempio, la Vestale di Gaspare Spontini del 1807, con la quale condivide il librettista, Victor-Joseph-Étienne de Jouy, e la formula drammaturgica, ossia un tormentato intreccio amoroso contro uno sfondo storico. Per Les Abencérages ou L'étendard de Grenade, questo il titolo completo, la fonte è il romanzo storico Gonzalve de Cordoue di Jean-Pierre Claris de Florian del 1791 e l’ambiente storico è la Granada della metà del XV secolo, sotto il regno di Muley-Hassem. Al centro della trama vi è l’amore fra Almanzor, generale della tribù degli Abenceragi, e Noraïme, principessa di sangue reale della tribù nemica degli Zegri. Sedata una rivolta degli Zegri scoppiata proprio nel giorno delle nozze, Almanzor è vittorioso ma perde il sacro stendardo e viene dunque bandito da Granada. Rientrato furtivamente nell’Alhambra per rivedere l’amata Noraïme, Almanzor viene catturato e condannato a essere gettato da una rupe a meno che qualcuno non sconfigga in duello il suo accusatore, Alemar, campione degli Zegri, per salvargli la vita. Sotto mentite spoglie moresche, il generale spagnolo Gonzalve, amico di Almanzor, accetta la sfida e sconfigge Alemar. Rivela quindi che il giovane generale aveva affidato lo stendardo di Granada a un traditore, riscattandolo così agli occhi del suo popolo. Tutto si conclude felicemente, con gli amanti finalmente riuniti in matrimonio.

Gli Abencerragi - Maggio Musicale Fiorentino, 1957 (foto Archivio del Maggio Musicale Fiorentino)
Gli Abencerragi - Maggio Musicale Fiorentino, 1957 (foto Archivio del Maggio Musicale Fiorentino)

A poco valsero ammiratori illustri come Hector Berlioz, Felix Mendelssohn e Gaspare Spontini, che la diresse a Berlino, per impedire che su questa opera di Cherubini cadesse l’oblio dopo il 1816, quando praticamente scomparve dalle scene, in curiosa coincidenza con il tramonto dell’astro napoleonico. Nonostante un significativo allestimento nel 1957 al Maggio Musicale Fiorentino, con la direzione musicale di Carlo Maria Giulini e Louis Roney e Anita Cerquetti protagonisti, l’opera è scomparsa dal repertorio dei teatri lirici come la maggior parte dei lavori di Cherubini, con l’unica eccezione di Medée.

Les Abéncerages PBZ cover

Il prossimo 11 novembre Les Abencérages torna in una nuova registrazione per la collana “Opéra français” delle edizioni musicali del Palazzetto Bru Zane. La nuova pubblicazione del Centro di Musica romantica francese è destinata non soltanto ad approfondire la conoscenza della produzione operistica di Luigi Cherubini ma anche di ampliare l’offerta di lavori prodotti nella Francia napoleonica agli albori del romanticismo operistico francese accanto a quelli di Étienne-Nicolas Méhul e André Grétry (mentre è già annunciata una nuova registrazione de La Vestale con Marina Rebeka protagonista e Les Talents Lyriques diretti da Christophe Rousset in uscita nell’aprile 2023). Con questa nuova uscita si colma anche una lacuna nella modesta discografia di quest’opera, che conta finora due sole registrazioni complete, entrambe decisamente datate: una legata alle rappresentazioni al Maggio Musicale, in italiano con il titolo Gli Abencerragi, con Orchestra e Coro del Teatro Comunale di Firenze diretti da Giulini, e una del 1975 nell’originale francese diretta da Peter Maag con Margherita Rinaldi, Francisco Ortiz, Jean Dupouy e l’Orchestra Sinfonica e Coro della RAI di Milano.

Les Abéncerages (foto Jázon Kováts)
Les Abéncerages (foto Jázon Kováts)

La nuova registrazione, che promette di avere tutti i crismi contemporanei dell’autenticità, è stata realizzata fra il 7 e il 9 marzo 2022 al Béla Bartók National Concert Hall del Müpa di Budapest. Il tenore Edgaras Montvidas e il soprano Anaïs Constans sono i protagonisti di un cast che comprende anche Thomas Dolié, Artavazd Sargsyan, Philippe-Nicolas Martin, Tomislav Lavoie, Douglas Williams, Lóránt Najbauer e Ágnes Pintér. L’esecuzione musicale su strumenti d’epoca è dell’Orchestra Orfeo diretta con il Coro Purcell dall’ungherese György Vashegyi, già coinvolto in altre iniziative del Palazzetto Bru Zane come Adrien di Méhul nel 2014 o Phèdre di Lemoyne del 2020. Ai tre CD della registrazione completa, si accompagna un libro di 140 pagine con il tradizionale ricco apparato documentale, che comprende i due saggi “Les Abencérages, entre histoire et légende” di Raúl González Arévalo e “À la découverte des Abencérages de Luigi Cherubini” di Jean Mongrédien, oltre a un ritratto di Cherubini “Italien, mais pas trop...” di Alexandre Dratwicki e recensioni d’epoca tratte dal Mercure de France e al libretto dell’opera.

In occasione dell’uscita dell’opera di Luigi Cherubini, il prossimo 6 dicembre al Palazzetto Bru Zane di Venezia in “Les Abencérages di Cherubini: a favore o contro Napoleone?” Brad Carlton Sisk racconterà aneddoti ed elementi del contesto storico per riscoprire questo precursore del grand opéra con numerosi ascolti di brani musicali.

Oltre alla distribuzione del libro + CD, Les Abencérages sarà anche disponibile in download e streaming sulle principali piattaforme digitali con libretto scaricabile online.

Se hai letto questo articolo, ti potrebbero interessare anche

classica

Una riflessione tra il cambio alla guida del Festival Verdi, le attività dell’Istituto Nazionale di Studi Verdiani e l’assalto di visitatori alla Villa di Sant’Agata prima della chiusura

classica

Da quest’anno il pubblico potrà selezionare online fino a quattro giovani concorrenti al primo round mentre la finale del Concorso prevederà un programma più impegnativo e un montepremi ancor più ricco | IN COLLABORAZIONE CON CONCORSO PIANISTICO INTERNAZIONALE FERRUCCIO BUSONI

classica

Nagano parla della direzione d'orchestra, del pubblico e del progetto che lo vede impegnato il 18 e 19 novembre alla guida dell’Orchestra Haydn ne La Creazione