Un thriller all'opera

Markus Lehmann-Horn presenta la sua opera in prima assoluta alla Kammeroper di Vienna

Recensione
classica
Kammeroper Wien
17 Aprile 2012
Markus Lehmann-Horn non è il tipico compositore operistico, o almeno non lo è nel senso classico in cui ci si potrebbe immaginare tale figura: Il giovane musicista tedesco proviene da esperienze di fonico, chitarrista turnista, arrangiatore, compositore per la televisione, il cinema e per la pubblicità. Un artista funzionale? Non in senso negativo, però. La sue partiture portano tutti i segni di questo eclettismo, ed è forse proprio questa peculiare scrittura musicale ad aver guidato la scelta della giuria del concorso di composizione di teatro musicale “Gerhard Schedl”, che nella prima e finora unica edizione del concorso nel 2009 ha assegnato il primo premio al suo “Woyzeck 2.0”. L’opera (anche il libretto è di Lehmann-Horn) è costruita su due piani narrativi intrecciati di finzione e realtà: la giovane attrice Klara prova in teatro il "Woyzeck" di Büchner; nella vita reale si innamora di un carcerato che come Woyzeck ha ucciso la propria moglie. È una trama densa di momenti emozionanti e ricchi di tensione, E questo ductus drammatico si rispecchia e si ritrova anche nella musica. Grazie al suo solido artigianato compositivo Lehmann-Horn riesce a creare una musica impulsiva e sensuale, che si muove tra citazioni di Berg, accenni al jazz e reminescenze di avanguardismo primonovecentesco. Le idee sono molte, alcune avvincenti, altre meno, anche perché Lehmann-Horn a volte dà un risalto eccessivo al virtusismo strumentale ad effetto e non è sempre convincente nel scrivere per le voci (nonostante l’ottima prestazione e presenza dei cantanti). Qualcosa in effetti nella sua scrittura operistica ancora manca; quel qualcosa che avrebbe tenuto gli ascoltatori incollati alla sedia con il fiato sospeso per tutti i 90 minuti della rappresentazione.

Note: Prima esecuzione assoluta. Libretto tratto da un racconto di Michael Schneider.

Interpreti: Jennifer Davison, Johann Leutgeb

Regia: Alexander Medem

Scene: Gilles Gubelmann

Costumi: Gilles Gubelmann

Coreografo: Liane Zaharia

Orchestra: Amadeus Ensemble Wien

Direttore: Walter Kobera

Luci: Norbert Chmel

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Rappresentate a Roma due operine di Roberta Vacca e Biagio Putignano

classica

Al Teatro La Fenice Myung Whun Chung dirige la “Nona Sinfonia” di Gustav Mahler 

classica

Si apre all’Accademica Filarmonica Romana il ciclo dedicato a Beethoven