Systema Naturae a Reggio Emilia

Mdi ensemble e un'orchestra di oggetti per il lavoro di Mauro Lanza e Andrea Valle

Systema naturae
Recensione
classica
Teatro Cavallerizza, Festival Aperto, Reggio Emilia
Systema Naturæ
11 Ottobre 2023

La disposizione del mdi ensemble (tentetto con quattro fiati, tre archi, chitarra, pianoforte e percussioni) è a isole, con gli archi che cominciano in cerchio dopo un accenno di un suono come di campanello di bicicletta e gli archetti che sfregano le corde, facendo scintillare punti di domande: che cosa ascolteremo?

– Leggi anche: Il Systema naturae di Mauro Lanza e Andrea Valle

L’allestimento sul palco è molto interessante: la scena è colma di cose, phon modificati con tubi, radiosveglie, oggetti vari. Questi marchingegni elettromeccanici, azionati da computer, si riveleranno poi la parte più interessante dell’opera di Mauro Lanza e Andrea Valle.

– Leggi anche: Animismo degli oggetti e orchestre elettromeccaniche

Il click di accensione di una lampadina (ci torna in mente La cellule d’intervention Metamkine, vista sullo stesso palco molti anni fa), una sorta di glitch delle cose; il pulsare della luce come il frinire di un insetto a fungere da beat sghembo, il suono degli interstizi o il soul algido di una discarica: non mancano gli spunti di interesse, ma la musicalità latita. Cenni e abbozzi che non prendono una direzione precisa: apparizioni, ombre, false partenze, tutto improntato a un riduzionismo zen che talvolta suona un po’ troppo austero.

Poi un movimento che fa pensare a uno Steve Reich al parco giochi, alle prese con strumenti sdentati, e a seguire una sorta di marcetta da circo o da teatro dei burattini. Sono lampi, brevi frangenti che increspano l’acqua di un flusso continuo e incostante.

L’impressione talora è di un prologo perenne al quale poi viene poi sottratto il racconto. Idee ritmiche interessanti animano una sorta di drum’n’bass tibetana, dall’aria stranita e straniante: spunti luminosi in una nebbia di intenzioni dove – potrebbe dipendere da noi – non riusciamo a cogliere il fuoco dell’invenzione. Se certi suoni fanno venire in mente l’avant-jazz (ad esempio un Cory Smythe) che flirta con la contemporanea, in altri frangenti le cose si fanno più movimentate e l’incedere serrato ricorda addirittura il post-metal dei Meshuggah.

Poi l’immagine che torna è quella del moto browniano, o di un flipper rotto, oppure di un brulicare di insetti metallici. L’interazione tra parte acustica e parte elettromeccanica è la parte più curiosa del lavoro: a un certo punto poi si apre finalmente uno sbocco con un fluire di un’aria enigmatica, chirurgica, esatta. A seguire una parte solo ritmica di “cose”, quasi free-elettronica vagamente alla Autechre.

In generale alla fine del concerto resta l’impressione di un lavoro denso di potenzialità e stimoli che avrebbero meritato un diverso approfondimento. Il festival Aperto prosegue fino a oltre metà novembre, per tutti i dettagli sul ricchissimo calendario date un’occhiata qui.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Con il trittico Professor Bad Trip eseguito da un ensemble di studenti del Conservatorio di Milano si è concluso il 33° Festival di musica contemporanea

classica

Alexander Lonquich e l’Orchestra Giovanile Italiana al Maggio Musicale Fiorentino con la prima versione della Quarta di Bruckner

classica

Successo all’Opera di Colonia per “INES”, la nuova opera di Ondřej Adámek con libretto di Katharina Schmitt, che proietta il mito di Orfeo in un mondo ferito da una catastrofe nucleare