Sempre Wire, mai gli stessi Wire

Ad Avellino, i padri del post-punk inglese celebrano quarant'anni di carriera nel loro consueto stile: guardando in avanti

Wire
Recensione
pop
Auditorium Cimarosa, Avellino
Wire
06 Ottobre 2018

Era il 1979 quando all'atteso tour che avrebbe dovuto suggellare il fulminante e geniale trittico di Pink Flag, Chairs Missing e 154, i Wire di Colin Newman risposero con uno spettacolo stravagante, accompagnato per la gran parte da materiale inedito (poi raccolto in Document and Eyewitness).

È il 2018 e per il loro ritorno in Italia, anche e giustamente celebrativo di una carriera ormai quarantennale, il quartetto inglese lascia da parte la teatralità ma non rinuncia alla sua caparbia imprevedibilità. 

In un Auditorium Cimarosa strapieno e che, a giudicare dagli accenti, ha richiamato spettatori da tutto il Sud Italia, l'approccio è preciso e diretto: "some material is new and some is just obscure", suggerisce sbrigativamente Newman – e sono di fatto le sue prime parole – quando nei primi venti minuti di concerto le uniche note riconoscibili sono quelle di una scattante "Three Girl Rhumba". Il suono è potente, il nuovo materiale promette bene (in particolare "Mind Hive" con il suo straniante staccato e "Off The Beach" che si riprende con gli interessi quello che le Elastica e tutto il britpop scippò a loro una ventina d'anni fa), ma, complice forse proprio la novità e l'inevitabile rodaggio della proposta, la percezione è che qualcosa non giri proprio a dovere, come se l'indiscussa intelligenza dei Wire allungasse, e troppo, il passo rispetto alla capacità di esecuzione. 

È un salvifico (e per fortuna falso) allarme antincendio a dare fiato e a riaprire la partita. Al ritorno sul palco, il gruppo è visibilmente innervosito e, per questo, magnificamente aggressivo. Che li si ascriva al post-punk, che li si riconosca come precursori della new wave, che se ne apprezzi la vena melodica meglio svelata nella loro seconda incarnazione, quella degli anni Ottanta, o la vena più austera e quasi industriale del loro ritorno negli anni 2000, i Wire sono stati, nella loro essenza, un gruppo pop sperimentale e psichedelico, la cui versatilità è qui pienamente dimostrata nella scintillante rilettura del classico "Ahead", nella muscolare "Short  Elevated Period", nella quasi pastorale "Red Barked Tree" e nella dadaista e giocosa “Drill” che chiude i bis. Ma anche capaci di prescinderne del tutto, come nella labirintica ed oscura “Hung”, che gioca sulla ripetizione e su un crescendo che sconfina in un vero e proprio muro del suono, segnale più che mai propizio di un album che arriverà per il 2020.

Sempre Wire, mai gli stessi Wire, direbbe qualcuno.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

Splendido concerto della cantante al Magnolia di Milano, da Laurie Anderson a Paolo Conte

pop

Come è invecchiato il disco di Max Gazzé, che torna dal vivo nei club italiani a vent'anni dalla pubblicazione?

pop

La band svizzera, reduce dai Mondiali di Calcio in Russia, è planata al Labirinto della Masone di Parma