Se spacca raga, fate casino!

Freestyle MC’s battle a Roma, dopo le selezioni regionali, tra 16 rappers improvvisatori

Recensione
pop
Rising Love Roma
23 Gennaio 2009
Giro della morte, così viene chiamato il round tra i due MC che si contendono il titolo di campione, portandosi a casa una coppa, la pubblicazione di un cd, la partecipazione ad un festival internazionale e il ruolo di giurato nella prossima edizione. Stavolta la serata finale è a Roma, dove sedici MC hanno mostrato le proprie skillz fino a notte fonda. All’inizio i conti non tornano: sono in 17 perché sono stati ripescati due finalisti della scorsa edizione. Passa il pugliese, anche se spintonato da un collega di un’altra crew della sua regione che è tra il pubblico, e che offeso reagisce con le mani. Per fortuna un’eccezione, perché gli insulti volano ma dopo tre minuti le mani si stringono. Questo è il tempo a disposizione nel primo round, un minuto a testa e poi uno condiviso di 4/4, quattro versi ciascuno in dialogo serrato sul beat rap “classico”: si estrae a sorte chi inizia, e poi uno dei due è fuori, sempre il secondo tranne che per l’ultima coppia di avversari. Nel round seguente c’è solo un minuto a testa, e così nel terzo dove rimangono in quattro: Rancore (Roma) contro Moreno (Genova), e Dank (Parma) contro Noema (Catania). Generazioni e temperamenti diversi, talento ma anche banalità da caserma circolate fin dall’inizio della battle: chi ce l’ha più lungo o duro, conoscenza carnale di sorella o fidanzata dell’avversario, gusti sessuali fuori dal coro, etc. Alla fine restano Noema e Moreno, senza limiti di tempo ma con il solo botta e risposta del 4/4. Devono uscire dal beat o non saper rispondere per le rime. Sono agguerriti ma si stanno avvitando nella ripetizione e vengono interrotti da Mastafive, animatore della rassegna. Sulla bilancia le urla del pubblico – il casino con cui si misurano le preferenze – e la valutazione della giuria. La spunta Noema.

Interpreti: Beks, Moreno, Buzz, Tachi, Tubet, CaneSecco, Shoki, Dank, Agon, Piuma, Rancore, Black M, Noema, Disa, Sbaba, Freezer

Orchestra: Dj Double S

Maestro Coro: Mastafive & Hyst

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

Splendido concerto della cantante al Magnolia di Milano, da Laurie Anderson a Paolo Conte

pop

Come è invecchiato il disco di Max Gazzé, che torna dal vivo nei club italiani a vent'anni dalla pubblicazione?

pop

Ad Avellino, i padri del post-punk inglese celebrano quarant'anni di carriera nel loro consueto stile: guardando in avanti