Se spacca raga, fate casino!

Freestyle MC’s battle a Roma, dopo le selezioni regionali, tra 16 rappers improvvisatori

Recensione
pop
Rising Love Roma
23 Gennaio 2009
Giro della morte, così viene chiamato il round tra i due MC che si contendono il titolo di campione, portandosi a casa una coppa, la pubblicazione di un cd, la partecipazione ad un festival internazionale e il ruolo di giurato nella prossima edizione. Stavolta la serata finale è a Roma, dove sedici MC hanno mostrato le proprie skillz fino a notte fonda. All’inizio i conti non tornano: sono in 17 perché sono stati ripescati due finalisti della scorsa edizione. Passa il pugliese, anche se spintonato da un collega di un’altra crew della sua regione che è tra il pubblico, e che offeso reagisce con le mani. Per fortuna un’eccezione, perché gli insulti volano ma dopo tre minuti le mani si stringono. Questo è il tempo a disposizione nel primo round, un minuto a testa e poi uno condiviso di 4/4, quattro versi ciascuno in dialogo serrato sul beat rap “classico”: si estrae a sorte chi inizia, e poi uno dei due è fuori, sempre il secondo tranne che per l’ultima coppia di avversari. Nel round seguente c’è solo un minuto a testa, e così nel terzo dove rimangono in quattro: Rancore (Roma) contro Moreno (Genova), e Dank (Parma) contro Noema (Catania). Generazioni e temperamenti diversi, talento ma anche banalità da caserma circolate fin dall’inizio della battle: chi ce l’ha più lungo o duro, conoscenza carnale di sorella o fidanzata dell’avversario, gusti sessuali fuori dal coro, etc. Alla fine restano Noema e Moreno, senza limiti di tempo ma con il solo botta e risposta del 4/4. Devono uscire dal beat o non saper rispondere per le rime. Sono agguerriti ma si stanno avvitando nella ripetizione e vengono interrotti da Mastafive, animatore della rassegna. Sulla bilancia le urla del pubblico – il casino con cui si misurano le preferenze – e la valutazione della giuria. La spunta Noema.

Interpreti: Beks, Moreno, Buzz, Tachi, Tubet, CaneSecco, Shoki, Dank, Agon, Piuma, Rancore, Black M, Noema, Disa, Sbaba, Freezer

Orchestra: Dj Double S

Maestro Coro: Mastafive & Hyst

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

Successo a Ravenna Festival per il ritorno dal vivo di Vinicio Capossela, tra riflessioni e nostalgie

pop

300.000 visualizzazioni per il concerto in streaming dell’artista israeliana nell’ambito di Il jazz italiano per Bergamo

pop

Il tour di Ryley Walker dopo la disintossicazione rilancia il chitarrista americano, tra folk acido, psichedelia e songwriting di altissima fattura