Musica alla fine del mondo

I Godspeed You! Black Emperor dal vivo al Live Club di Trezzo d'Adda

<br/>

Recensione
pop
Trezzo sull'Adda
10 Aprile 2015
Il buio incombe, è quasi minaccioso. Ombre rosse si muovono tra cavi e microfoni mentre le casse sfrigolano, si lamentano. Un mormorio cupo che è una sorta di invocazione, un inquietante rito preparatorio al cerimoniale che sta per compiersi. Entrano alla spicciolata i Godspeed You! Black Emperor, occupando uno a uno gli scranni sparpagliati sul palco del Live Club. I primi a sbucare dalle quinte sono Thierry Amar e Sophie Trudeau, contrabbasso e violino. Tocca a loro, a colpi di archetto, mettere fine alla straziante agonia dell'impianto audio. L'esordio è sospeso, quasi distaccato. Lamenti da un'altra dimensione, voci lontanissime distese su un bordone che buca i timpani (le orecchie di chi scrive fischieranno orgogliosamente per un paio di giorni). Poi, in un intrecciarsi di arpeggi scheletrici, tra sadiche pennate e feroci dissonanze, il flusso inizia ad addensarsi attorno alle chitarre di Efrim Menuck, Mike Moya e David Bryant. Finalmente una trama, un disegno. Il pulsare scomposto del basso elettrico segnala la presenza di Mauro Pezzente, una rullata quella di Aidan Girt e Bruce Cawdron dietro a piatti e tamburi. Ci siamo. La deflagrazione è tremenda. Nessun disco può anche solo lontanamente rendere l'idea della potenza del suono Godspeed. Non c'è scampo, non c'è redenzione. I cavalieri dell'apocalisse arrivati da Montréal galoppano a briglia sciolta. “Mladic”, brano d'apertura di [i]Allelujah! Don't Bend! Ascend![/i], penultima fatica dei canadesi, è il vertice dell'ora e quaranta di sabba infernale. Che nella seconda metà si concentra sui quattro pezzi del nuovo [i]Asunder, Sweet and Other Distress[/i]; fatti di crescendo wagneriani, nebulose in dilatazione, riff che strappano le budella. Musica totale, immensa, sconvolgente. Alla fine del mondo, alla fine dei tempi.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

Ai Docks di Losanna i Low "umanizzano" il recente album Hey What

pop

A Losanna Marie e Lionel Limiñanas hanno declinato con disinvoltura un rock stratificato e ancora visionario

pop

Al Parco della Musica di Roma Joan As a Police Woman presenta The Solution Is Restless, registrato con Tony Allen e Dave Okumu