Mediterraneo da camera

Dopo vent'anni il Festival del Mediterraneo torna nei palazzi storici genovesi

Paolo Angeli (foto Nanni Angeli)
Paolo Angeli (foto Nanni Angeli)
Recensione
world
Festival del Mediterraneo Genova
18 Settembre 2012
Quest'anno il Festival Musicale del Mediterraneo, passato lo snodo strategico del ventennale, ha rischiato seriamente di saltare: così Davide Ferrari - musicista e musicoterapeuta - s'è rimboccato le maniche e, per andare avanti, ha fatto una bella capriola all'indietro. Facendo tornare il Festival nei cortili dei palazzi storici della Genova antica, niente più grandi concerti ingestibili e costosi nella Piazza delle Feste. Scommessa vincente, diciamo subito, perché il pubblico ha gradito ed è tornato in massa, e un festival con equilibri quasi “cameristici” ha fatto conoscere realtà del Mediterraneo notevoli. Nell'impossibilità di dar conto di dodici concerti, e altrettante occasioni itineranti, segnaliamo alcune eccellenze. Ad esempio il vertice di poesia e pathos toccati da Paolo Angeli con la sua chitarra sarda “preparata”, ma anche con una voce antica che conosce i segreti del canto isolano. Grandi anche i Cadira di [i]Mar[/i] in versione acustica, segno che le composizioni reggono ogni sfida, e grandi i Danças Ocultas dal Portogallo: quattro fisarmoniche diatoniche, un intreccio polifonico ora malinconicamente melodico, ora assertivamente ritmico: ascoltato in un silenzio quasi sacrale. La serata finale, oltre a poter contare sulla disarmante, contagiosa energia delle note degli Gnawa in trio guidati da Abdenbi El Gadari, vecchio amico del Festival e di Ferrari, sornione maestro di cerimonie, ha presentato in prima battuta un lungo, sofferto set della vocalist algerina Naziha Azzouz con il palestinese Adel Salameh, voce e liuto arabo. Preambolo alla stupefacente esibizione in solo con tamburo a calice e cornice dell'iraniano Mohammed Reza Mortazavi. Dieci dita che sono dieci martelletti indipendenti: il ritmo trasformato quasi in melodia fluttuante.

Interpreti: Paolo Angeli, Cadira, Danças Ocultas, Naziha Azzouz, Adel Salameh, Mohammed Reza Mortazavi, Gnawa Bambara

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

world

Al FolkClub di Torino lungo le rotte di Lula Pena, in uno stream of consciousness di chitarra e voce

world

Doppio concerto per la coppia Rhiannon Giddens e Francesco Turrisi, che tornano al FolkClub Torino dopo il successo dell'anno scorso

world

Reportage dal Festival musicale del Mediterraneo di Genova, quest'anno nel segno dell'EurAsia