Le fenomenali frane free di Moholo

Memorabile concerto al Torino Jazz Festival del batterista sudafricano

Luis Moholo Special Unit (foto Davide Martignetti, Fabrizio Saglia)
Luis Moholo Special Unit (foto Davide Martignetti, Fabrizio Saglia)
Recensione
jazz
Torino Jazz Festival
30 Aprile 2014
Il 30 aprile è la Giornata Internazionale Unesco per il Jazz, e per l'Italia (ovviamente, possiamo dire nel giorno che chiude un eccellente Torino Jazz Festival) la città italiana prescelta a rappresentarla è stata Torino. Che in quel giorno salisse sul palcoscenico del Conservatorio il vecchietto magrissimo e sdentato Luis Moholo non era certo casuale, per il direttore artistico del TJF, Stefano Zenni. Con una squadra di più giovani partner inglesi e sudafricani, il grande socio di Chris McGregor nei Blue Notes prima sudafricani e poi - per esilio anti-apartheid - londinesi ha preso cervello e pancia di tutti noi che lì eravamo con un concerto fenomenale. Se ne entra come fosse l'addetto alle pulizie che ha sbagliato turno, si siede come sedesse al bar alla batteria e poi fa rullare e strisciare in assolvenza la più dirompente miscela possibile di gioia ritmica africana, colorata e insieme esoterica e trance, e di crescendi minimali e ossessivi di pochissimi temi (cinque? sei in tutto il concerto?) lasciandoli poi sbranare e squartare e infine polverizzare in frane free dai suoi quattro ottoni, dal contrabbasso e dal suo prediletto giovanissimo pianista Alexander Hawkins, con cui è andato su e giù per tutto il tempo della sessione un gioco di sguardi e comandi e attacchi e cesure e mugolate di voce arcaica al mic. Se il cuore della improvvisazione jazz sono: capacità di ascolto, umiltà di gestione dell'errore, flusso ritmico, leadership carismatica e suscitatrice, Moholo ci ha mostrato tutto. Come ci si può commuovere per troppa energia di musica? Be', succede.

Interpreti: batterista Luis Moholo

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

jazz

Con qualche defezione e un programma reinventato, l'edizione 2020 di Ai confini tra Sardegna e jazz

jazz

In attesa del ritorno delle big band, Barga Jazz ha omaggiato il suo fondatore Giancarlo Rizzardi, scomparso nel 2019

jazz

Diario di un viaggio ritrovato a Fano Jazz By the Sea 2020