La Spagna perduta di Garcia Fons

Al Gezmataz Winter 2010 di Genova l’affiatato trio del contrabbassista

Foto Fabio Bussalino
Foto Fabio Bussalino
Recensione
jazz
Gezmataz Genova
29 Ottobre 2010
La seconda serata del Gezmataz Winter 2010 ha visto all’opera l’affiatatissimo trio del contrabbassista Renaud Garcia Fons, da tempo tra i migliori solisti al mondo. Nella splendida cornice della Sala Grecale dei Magazzini del Cotone nel Porto Antico di Genova, il terzetto ha presentato le musiche di "Arcoluz", un album brillante realizzato per la Enja già nel 2006. Nato e vissuto a Parigi da genitori catalani, di formazione classica, Garcia Fons, dopo il diploma in conservatorio, studia privatamente con il maestro siriano Francois Rabbath, nel secolo scorso figura centrale della pedagogia applicata al contrabbasso. Anche grazie a questo incontro, la musica di Fons risulta un vitale e illuminante concentrato di suoni mediterranei. Un flusso sonoro che racconta di un musicista parigino alla continua ricerca (si potrebbe dire) di una Spagna perduta, non quella dei suoi genitori, ma piuttosto quella andalusa con il suo antico e stretto legame con la tradizione araba e non solo. Una ricerca di lontane radici filtrata dalla modernità del jazz e del suo linguaggio, fatto di improvvisazione, propulsione ritmica e swing. Impossibile non sottolineare le prodigiose capacità tecniche di Fons, che si segnala per una sorprendente elasticità timbrica, una trascendentale velocità e facilità di esecuzione, sia con l’utilizzo dell’arco che con il pizzicato, un eccezionale controllo degli armonici, ed una complessiva naturalezza gestuale che conferisce alla sua musica una corroborante leggerezza. Un musicista completo, dalle magiche capacità incantatorie, accompagnato nell’occasione da due ottimi sodali, il chitarrista flamenco Kiko Ruiz, in grado di aggiungere un non peregrino colore gitano all’insieme, e il raffinato percussionista Rollando Pascal. Superlativi.

Interpreti: Renaud Garcia Fons - contrabbasso Kiko Ruiz - chitarra flamenca Rollando Pascal - percussioni

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

jazz

A Brescia doppio concerto con Alessandra Novaga e il duo Delius-Lillinger

jazz

Per l'anteprima Jazz Is Dead, Moor Mother è arrivata insieme a Dudu Kouate

jazz

Per la 43esima edizione lo storico festival ha ritrovato la sua classica dimensione dal vivo, diffusa e partecipata