La macchina infernale

Gabriel Alvarez mette in scena il "Macbeth" di Heiner Müller

Recensione
oltre
Teatro Stabile di Torino Torino
03 Aprile 2014
La volgarità provocatoria e sguaiata di "Mack is coming back" la voleva Heiner Müller, nel suo progetto dei primi anni Settanta di trascrizioni e adattamenti da Shakespeare. Il grande drammaturgo tedesco pensava a una contaminazione tra il "grand guignol" brechtiano e la carneficina elisabettiana. Gabriel Alvarez, e la sua compagnia Théâtre du Galpon / Studio d’Action Théâtrale di Ginevra, ci hanno provocato con le loro streghe/Lady Macbeth (tre di tre), e i loro reggicalze, e le loro cosce e i loro culetti, e il loro trucco da bordello per un'ora e mezza. Un'ora e mezza praticamente tutte cantate ( e davvero bene) dalle tre protagoniste, dal Macbeth mollusco, evirato e burattino (Andrea De Luca), e dalla maîtresse Ecate, dea dell'Ade e grande burattinaia di questa obbligatoria presa del regno a coltellate e rientro all'inferno. Bruno De Franceschi ha composto questa infinita serie di arie alla Weill, e alla Berg a volte, e ha diretto in scena in giacca di lamé da pappone circense la sua orchestrina da kabarett. Quando questi attori completi, capaci di recitare e ballare e cantare, infine, talvolta, si fermavano a recitare qualche parola di Shakespeare-Müller, si tirava il fiato, si capiva il senso di questa umiliazione collettiva. Ma finiva presto, e la "macchina infernale" (avrebbe detto Jean Cocteau) ripartiva, sessualmente sfrontata e ubriaca e impotente. Se vogliamo, il senso è (e lo dice infernale infernale Ecate): il destino degli umani è fatto dalle circostanze, e le circostanze le hanno decise altri; a noi non resta che recitare la nostra rovina.

Interpreti: Amina Amici, Clara Brancorsini, Blandine Costaz, Andrea De Luca, Maria de la Paz, regia Gabriel Alvarez musiche composte da Bruno De Franceschi

Orchestra: Cosimo Romagnoli (violoncello), Filippo Fanò (pianoforte) Azusa Onishi (violino), Giacomo Poggiani (clarinetto), Andrea Angeloni (trombone), Leonardo Ramadori (percussioni)

Direttore: Bruno De Franceschi

Coro: Coralie Quellier, Claire De Montiel, Laurëne Huet, Pènèlope Mason, Igor Chernov

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

oltre

Al Centro di Ricerca Musicale di Bologna il compositore con Robyn Schulkowsky e Joey Baron

oltre

Per Aperto la performance di OHT Un teatro è un teatro è un teatro è un teatro

oltre

Il MAXXI L’Aquila ha proposto un denso festival tra arte, danza, teatro e musica