La lezione di Bussotti

Il compositore ha incontrato a Monopoli i docenti e gli studenti del conservatorio "Rota"

Recensione
classica
Euterpe Bari
31 Ottobre 2012
Quando una studentessa ha chiesto a Sylvano Bussotti, al termine dell’affollatissima “lectio magistralis” tenuta al conservatorio “Rota” di Monopoli, un consiglio da maestro, la risposta è stata: “Studiare sempre!!!”. Dopo una serie infinita di svirgolate, tese a evitare ogni replica ben definita (del resto la premessa è stata “Vi darò delle risposte le meno determinate possibili”), Bussotti ha concluso con il consiglio più banale e insieme più prezioso. E ha aggiunto: “Studiando sempre il risultato può essere interessante”. Che affondo! Soprattutto perché a pronunciarlo è uno degli sperimentatori più iconoclasti della storia italiana dell’ultimo secolo. Dietro le quinte dell’invito a Bussotti ci sono il pianista Gianni Lenoci, coordinatore del dipartimento di “nuove tecnologie e linguaggi musicali” e docente di musica jazz, e il suo collega di chitarra Massimo Felici. Entrambi suonano nell’ensemble (a formazione variabile”) “il Tempo Sospeso” che ha animato la successiva “soirée Bussotti”, eseguendo una selezioni di lavori dagli anni Cinquanta, compreso “Ultima rara” (1969) con Bussotti quale voce recitante, sino ad “Autotono” (1977). Bussotti non ha apprezzato le molte domande sul suo rapporto con Cage, con Scelsi o Guaccero (chiamato in causa per le sue origini pugliesi). “Perché concentrarsi su quegli anni?”, ha chiesto a un certo punto. La verità è che quella fase si è conclusa solo per quelli che hanno potuto viverla. Per i giovani dei conservatori che hanno la fortuna di incontrare professori che non censurano alcuna esperienza (e non sono purtroppo tutti), calarsi in quell’estetica può avere ancora il fascino di un atto politico.

Note: In collaborazione tra il Conservatorio "Rota" e l'associazione Euterpe di Monopoli

Interpreti: Ensemble "il Tempo Sospeso": Gianni Lenoci (pianoforte), Andrea Gallo (flauto dolce), Massimo Felici (chitarra), Koko (performer). Con Sylvano Bussotti (voce recitante)

Direttore: Gianni Lenoci

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

A Firenze il teatro del Maggio propone il capolavoro di Leonard Bernstein 

classica

All’Opéra du Rhin di Strasburgo riproposto dopo 158 anni il primo lavoro di Jacques Offenbach per l’Opéra Comique 

classica

Roma, Accademia Nazionale di Santa Cecilia: un imprevisto iniziale ha fatto cominciare in ritardo il concerto, ma l’attesa è stata ripagata pienamente