La leggerezza di Cables

Il pianista americano in concerto a Palermo incanta il pubblico

Recensione
jazz
Brass Group Palermo
11 Dicembre 2009
Ricordate [i]Le Lezioni Americane[/i]? Se Calvino fosse stato appassionato di jazz, avrebbe di certo celebrato Cables quale campione di “leggerezza”. È la chiave di lettura di un set superbo, sviluppatosi nel segno di una squisita musicalità. Una lezione di jazz da parte del sessantacinquenne pianista statunitense, che incarna la figura del “musician’s musician”: artista di nicchia, ammirato per lo più da colleghi e ristrette schiere di palati sopraffini. Una prova di grande eleganza, condotta con swing e souplesse per far apparire semplice e naturale ciò che facile in realtà non è: la ha sostanziata una maestria tecnica che rifugge da virtuosismi compiaciuti, per porsi al servizio dell’interplay e della comunicazione. Insomma, una quintessenza della raffinatezza armonica che si è insinuata nel pubblico come una fragorosa freccia di Cupido. Da parte del leader niente divismo e giochi gigioneschi; solo armonizzazioni sontuose per costruzioni melodiche accattivanti, illuminate da un contagioso feeling blues. A far da comune denominatore, la rara capacità di stabilire con i brani interpretati un rapporto intimo e confidenziale, per scavare a fondo dentro le radici ritmico-armoniche ed infondervi nuova luce. Come valore aggiunto, una vibrante espressività che sembra riassumere l’essenza del jazz: comunicativa, swing, capacità di trasmettere profonde emozioni, racchiusi nell’attimo irripetibile di aforistici giochi pianistici. L’atmosfera calda e confidenziale del Blue Brass ha fatto il resto, favorendo il fraseggio rilassato e colloquiale del leader nel padroneggiare immortali standard e sue composizioni originali. Un artista poco esposto mediaticamente, ma dalla musicalità autenticamente profonda.

Interpreti: George Cables (pianoforte); Giuseppe Costa (contrabbasso); Fabrizio Giambanco (batteria)

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

jazz

Vivace e variegato il cartellone 2021 del festival jazz di Fano, giunto alla sua a XXIX edizione

jazz

Dal vivo per Strade Blu il trio di Marc Ribot si conferma ai vertici della musica creativa

jazz

Il Torino Jazz Festival chiude alla grande con Salif Keita, Donny McCaslin e Arto Lindsay