Kurt il camaleonte

Il cantante di Chicago conferma la sua continua evoluzione artistica

Recensione
jazz
Summer Jazz Castellammare
20 Luglio 2012
È stato un concerto altamente istruttivo per comprendere l’evoluzione artistica del superbo cantante chicagoano, in tournée in Europa con il suo trio. È cambiata la formula ma non la qualità eccelsa della sua filigrana baritonale, che ora si apre energicamente verso coloriture d’ascendenza soulful e funky. Rispetto alla più classica dimensione swingante dei suoi precedenti quartetti con il pianoforte, Elling ha impresso un forte cambio di direzione alla sua musica per sprigionare bozzetti energici e potenti, ricchi di groove. E poi c’è quella duttile voce camaleontica, capace mimeticamente di fare il verso ad armonica e sassofono, magnificamente riprodotti con un sontuoso gioco di plastico e trascinante relax esecutivo. Artista dalla articolata formazione musicale e culturale, Elling sa come rinnovare il canto jazz di oggi in una eclettica chiave contemporanea sia pur rimanendo fedele ai valori fondanti della tradizione musicale afroamericana (blues in primis). Illuminati da un canto magnificamente palpitante, chitarra e batteria mettono a punto un trascinante telaio ritmico innervato dai suoni funkeggianti delle metropoli statunitensi di oggi.

Interpreti: Kurt Elling (voce), Derek Phillips (batteria), Charlie Hunter (basso e chitarra).

Orchestra: Kurt Elling Trio

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

jazz

Vivace e variegato il cartellone 2021 del festival jazz di Fano, giunto alla sua a XXIX edizione

jazz

Dal vivo per Strade Blu il trio di Marc Ribot si conferma ai vertici della musica creativa

jazz

Il Torino Jazz Festival chiude alla grande con Salif Keita, Donny McCaslin e Arto Lindsay