Il trio smagliante di Argerich, Jansen e Maisky

Successo alla Scala per Martha Argerich, Janine Jansen e Mischa Maisky in trio con brani di Haydn, Mendelssohn e Šostakovč

Martha Argerich, Janine Jansen, Mischa Maisky
Martha Argerich, Janine Jansen, Mischa Maisky
Recensione
classica
Milano, Teatro alla Scala
Jansen, Maisky, Argerich
01 Dicembre 2023

Il ciclo dei Concerti Straordinari della Scala non poteva iniziare in modo più straordinario di così, con Martha Argerich, Janine Jansen, Mischa Maisky per il Trio n. 39 di Haydn, il Trio n. 2 di Šostakovč, il Trio n. 1 di Mendelssohn-Bartholdy.

Sala piena zeppa ed esecuzione smagliante, perfino vigorosa, forse non del tutto consona a Haydn (specie nel sognante Poco Adagio), ma impressionante con Šostakovič. Il terzo e il quarto movimento, giustamente eseguiti senza soluzione di continuità, sono risultati di rara intensità.

La estenuante cupezza del Largo, quasi una lugubre liturgia, si è trasfigurata nella crudele danza macabra dell'Allegretto suggerendo immagini di morte, di guerra, di campi di sterminio che ossessionavano all'epoca il compositore, ma che purtroppo sono diventati anche per noi di attualità.

Al di fuori dell'esecuzione ammirevole, l'ascolto è stato davvero coinvolgente. Né è bastato il Trio di Mendelssohn a stemperarne l'effetto, con la romanza senza parole dell'Andante e la spensierata danza degli elfi dello Scherzo.

L'accoglienza del pubblico è stata calorosissima, con interminabili ovazioni a fine serata, ricambiate con due bis: l'Andante del Trio n. 1 di Schubert e un secondo brano che chi scrive non è stato in grado d'identificare.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Napoli: da Reich a Battistelli

classica

Milano: il nuovo direttore della Sinfonica di Milano

classica

Un successo alla Semperoper di Dresda per la nuova opera di Detlev Glanert Die Jüdin von Toledo ispirata a una tragedia del 1855 dell’austriaco Franz Grillparzer