Il mondo dentro l'igloo

L'eterogeneo linguaggio musicale di Remo Anzovino in concerto a Roma

Foto Lucia E. Sansotta
Foto Lucia E. Sansotta
Recensione
oltre
Carta da Musica Roma
11 Ottobre 2010
In una gradevole serata dell'autunno romano Remo Anzovino, impegnato nel tour di presentazione del suo recente "Igloo", si è proposto nell'intima cornice del The Place insieme agli ottimi Marco Anzovino, alla chitarra, e Gianni Fassetta, alla fisarmonica. La dimensione cameristica giova a questo giovane pianista e compositore, che insieme ai suoi due compagni di viaggio riesce a trasportare l'ascoltatore in percorsi trasversali dove sono state abbattute le ultime barriere tra i vari generi. I territori che qui Anzovino tocca sono meno legati agli intenti 'sinfonici' di "Igloo" ma risultano ancor più convincenti, legati a sonorità mediterranee insaporite da qualche accento jazzistico e da un gioco leggero di melodie, ora malinconicamente sussurrate ora ripetute con passionale insistenza. Dichiaratamente non legato all'ultimo prodotto discografico, il concerto - come dice Anzovino - offre un tipo di musica dove sta all'ascoltatore impegnarsi per lasciar espandere la fantasia, l'invito è a un viaggio dove ognuno sceglie il percorso e la meta, fa poca differenza che siano le dune di un deserto africano o le onde di un mare in tempesta. Tra le note di brani come "Igloo", "Orchidea" o l'inedito "La sera", ci si lascia prendere volentieri dalle emozioni e si intraprende il viaggio che Anzovino ci invita a fare, l'ascolto è rilassante e piacevole, la sua musica non ambisce a traguardi di originalità ma sa comunque offrire un sapiente e variegato ventaglio di esperienze musicali diverse.

Interpreti: Remo Anzovino, pianoforte Marco Anzovino, chitarra Gianni Fassetta, fisarmonica

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

oltre

Per Aperto la performance di OHT Un teatro è un teatro è un teatro è un teatro

oltre

Il MAXXI L’Aquila ha proposto un denso festival tra arte, danza, teatro e musica

oltre

A Firenze per la XXVIII edizione il duo Cinelu – Molvaer e le visioni di Sylvano Bussotti