Il furore e la dolcezza

Il "Promise Duo" di Omar Sosa e Paolo Fresu chiude "I concerti nel parco"al teatro di Villa Pamphilj

Recensione
jazz
Concerti Nel Parco Roma
27 Luglio 2009
Esprimersi attraverso il duo non è facile, specie se a farlo sono musicisti dalla lunga storia professionale e dall'articolata poetica come il pianista cubano Omar Sosa ed il trombettista Paolo Fresu. Da un primo incontro, nel 2004 al festival di Berchidda "Time in Jazz" di cui Fresu è propulsore e direttore artistico, è nata un'amicizia sonora che ha visto collaborazioni discografiche (nel Cd "Promise", 2007) e che quest'estate si sta concretizzando in un tour italiano di sei date (25-30 luglio). A Roma, nella cornice incantata di Villa Pamphilj, i due artisti hanno dato vita ad un lungo set, avventuroso e sperimentale, estrinsecando aspetti a volte inediti della propria musica. Paolo Fresu, ad esempio, nei brani a matrice ritmica, ha tirato fuori una grinta ed una "durezza" strumentale che non gli è consueta mentre Sosa ha rinunciato quasi completamente a riferimenti diretti alla musica cubana, lavorando per accenni (quasi allusioni musicali) e privilegiando aspetti poliritmici e timbrici. Un tratto che accomuna i due artisti è quello della manipolazione del suono attraverso l'elettronica, ottenendo un'espansione in verticale della "memoria" (campionamenti, rumori, percussioni, voci...) ed un'allargamento in orizzontale che mette in connessione linguaggi e folclori (reali, immaginari), ridisegnando una sorta di geografia musicale del mondo. Il loro suono attinge con sapienza alla fonte acustica delle vibrazioni e si amplia elettronicamente. I brani proposti hanno sempre avuto un sapore "laboratoriale" e di sfida espressiva e si sono mossi tra due polarità: incantevoli, struggenti pezzi lenti dal suadente profilo melodico; irruente incursioni perpetrate seguendo i binari del ritmo e del timbro. Poesia e comunicazione: forte, dolce, intensa, globale.

Interpreti: Omar Sosa: pianoforte, Fender Rhodes, electronics Paolo Fresu: tromba, flicorno, electronics

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

jazz

Applausi al teatro Bonci di Cesena per il debutto della suite Psycho-Chambers (Prisms #1 #2 #3) della Exploding Star Orchestra

jazz

Bel successo di pubblico per la prima edizione dello storico festival diretta da Joe Lovano

jazz

Rob Mazurek, Fabrizio Puglisi e l'Orchestra Creativa del Conservatorio Frescobaldi di Ferrara in concerto a Bologna