Don Pasquale al Casinò

Firenze: non convince la regia di Andrea Bernard

Don Pasquale (Foto Michele Monasta)
Don Pasquale (Foto Michele Monasta)
Recensione
classica
Teatro del Maggio Musicale, Firenze
Don Pasquale
21 Febbraio 2020 - 04 Marzo 2020

Don Pasquale è tornato venerdì a Firenze, al Teatro del Maggio Musicale, ma non è più lui. E’  diventato il proprietario di un casinò di vago modernariato, con tavoli da gioco, slot machines e tanto di peep show annesso, dove in vetrina c’è anche Norina. Perché ? Al regista Andrea Bernard, che firma questo nuovo allestimento con le scene e i costumi di Alberto Beltrame e Elena Beccaro, la storia di Don Pasquale fa pensare, scrive, a un caper movie, termine tecnico – apprendiamo - designante i film sul colpo grosso, come Ocean’s Eleven o I soliti sospetti.  Troppo onore per l’innocua storiella borghese di un burbero rentier nullafacente, di amori osteggiati, astuzie maschili e femminili, e servitù che commenta il tutto. Una vicenda che nella sua tenuità, imbastita su millenarie trame di commedia, a Donizetti basta per dar vita ad una delle sue partiture più abili e maliose. Già, partitura, la parola chiave, ed è sciocco negarne le evidenze per cercare chissà cosa. E così abbiamo un Ernesto mezzo idiota che compulsivamente gratta-e-non-vince, e altre amenità, nel solito subisso – oramai regolarmente propinato a Firenze – di controscene e figuranti, giocatori, clienti infoiati davanti al peep show, camerieri, entraineuses, ballerinette, che si agitano un sacco, per non dire dell’oramai molto abusato profluvio di video per sottolineare i sentimenti dei personaggi. Poi, a un certo momento, tutti  fermi ad ascoltare la serenata di Ernesto, ed è una scena riuscita, perché qui il primo ad ascoltare la musica è stato il regista. Alti e bassi anche sotto l’aspetto musicale. La direzione di Antonino Fogliani ci è sembrata centrare complessivamente bene la miscela di comicità e patetismo del capolavoro donizettiano, in una visione accurata, più portata alle rotondità e alle mezze tinte che alla brillantezza, che l’orchestra ha assecondato solo in parte, e resta il problema di fondo di una struttura teatrale ottima per l’orchestra ma punitiva per i cantanti, arretrati dietro l’immensa buca, e allora, o hanno voci grandi, e non era il caso,  o non li si sente bene.  Qui poi c’era, per Ernesto, Maxim Mironov, un tenore contraltino garbato e di bel fraseggio, che però dovrebbe tenersi ben stretto a Rossini senza azzardarsi per ora in lontana terra con Ernesto. Davide Luciano era un Malatesta molto efficiente scenicamente e musicalmente ma anche lui di gusto un po’ rossineggiante (in Donizetti c’è forse qualcosa di più sanguigno e più bisognoso di impasti comici meno astratti). Marina Monzò era una Norina dagli acuti puntuti che possono piacere o meno ma di buona tempra vocale e scenica, Nicola Ulivieri era un Don Pasquale forse non del tutto appropriato vocalmente per qualche sfocatura in basso, ma scenicamente incisivo.  Applausi non più che cortesi – tifoserie a parte – per la musica, nette contestazioni per la messinscena, repliche 26 e 29 febbraio, 4 marzo. 

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Beryl Korot e Steve Reich riflettono su scienza e tecnologia

classica

All’Oper Frankfurt il regista australiano firma un allestimento dell’opera straussiana che raccoglie consensi nonostante una lettura controversa 

classica

All’Oper Frankfurt interesse per l’opera di Richard Wagner, assente da qualche stagione