Auguri Pierrot!

Vienna festeggia "Pierrot lunaire" con una lettura modello e una prima assoluta

Recensione
classica
Konzerthaus Wien
17 Ottobre 2012
Berlino, 16 ottobre 1912:il "Pierrot Lunaire" di Arnold Schoenberg viene eseguito per la prima volta in pubblico. Vienna, 17 ottobre 2012: Sono passati 100 anni, eppure l’età non si sente; "Pierrot Lunaire" potrebbe benissimo essere stato scritto oggi. In occasione di questo anniversario Michael Hasel ha diretto nella cornice della sala Mozart del Konzerthaus di Vienna alcuni membri della Filarmonica di Berlino e l’attrice Barbara Sukova in una stupenda interpretazione dell’opera di Schönberg. Stupenda perché piena di tensione, plastica, coinvolgente e ricca di colori. Dopo la pausa il pubblico (numeroso) ha potuto invece ascoltare la prima esecuzione assoluta dei Moonsongs di Uri Caine, un ciclo vocale che il pianista e compositore americano ha concepito sulla falsa riga del "Pierrot", usandone gli stessi testi (nella stessa sequenza), rielaborando alcuni materiali schönberghiani e lasciandosi suggestionare dalla forma dell’opera omaggiata. Caine suona assieme a un ensemble di solisti dalla grande personalità musicale: i virtuosi-vocalisti-performer Cristina Zavalloni e Sadiq Bey, Joyce Hammann al Violino, Chris Speed al clarinetto e sassofono, il chitarrista Nguyen Le e Jim Black alla batteria (un quintetto come in Schönberg, anche se l’organico è leggermente differente e usa le possibilità offerte dall’elettronica). Ma gli spazi lasciati aperti all’improvvisazione, rispetto ad altri simili progetti di Caine, non sono moltissimi. In Moonsongs si ascolta di tutto:dal free jazz al ragtime, dal punk all’avanguardia radicale; passando per il cabaret, il funk e l’hardcore. Al primo ascolto, però, questo eclettico crossover non mi ha convinto del tutto. Andrebbe forse riascoltato con le orecchie libere, senza avere in mente la modernità così radicale del Pierrot lunaire appena assaporato.

Note: In cooperazione con l'Arnold Schönberg Center

Interpreti: Barbara Sukowa, Voce recitante Madeleine Caruzzo, Violino David Riniker, Violoncello Christina Fassbender, Flauto Alexander Bader, clarinetto Hendrik Heilmann, Pianoforte Michael Hasel, Direttore Cristina Zavalloni, voce Sadiq Bey, voce Joyce Hammann, Violino Chris Speed, clarinetto e sassofono Nguyên Lê, chitarra Jim Black, batteria Uri Caine, pianoforte e keyboards

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Successo alla Scala per l'opera inaugurale diretta da Chailly

classica

Difficile percorso ma esito felice per l’apertura di stagione al Teatro La Fenice con il Don Carlo

classica

Ampia partecipazione di pubblico per la conclusione del Festival, dedicato quest’anno a Luca Francesconi