Scompare Peter Jonas

A lungo sovrintendente dell’Opera di Stato Bavarese si è spento a Monaco di Baviera dopo una lunga malattia

News
classica
Peter Jonas
Peter Jonas

Peter Jonas è morto a 73 anni a Monaco di Baviera “dopo 45 anni di lotta contro il cancro” come recita il comunicato dell’Opera di Stato Bavarese. Di quel teatro Jonas era stato a lungo la guida: la sua sovrintendenza era iniziata nel 1993 con qualche polemica fra il pubblico conservatore del capoluogo bavarese che non apprezzava troppo le sue scelte artistiche poco in linea con una certa tradizione. Rispetto ai predecessori, attribuì maggiore importanza alla dimensione teatrale dello spettacolo d’opera pur senza trascurare il livello musicale (nel 1998 chiamò Zubin Mehta alla direzione musicale) e allargò il repertorio al barocco con chiamando regolarmente registi dal tratto irriverente come Richard Jones, David Alden e Martin Duncan. Alla fine del suo mandato nel 2006 lasciò un teatro dall’altissimo profilo artistico nel panorama internazionale, profondamente rinnovato nel repertorio e aperto a un pubblico più vasto. Nato a Londra nel 1946 con origini tedesche, prima di insediarsi a Monaco di Baviera era stato direttore artistico della Chicago Symphony Orchestra e della English National Opera di Londra. Nel 1999 era stato insignito del titolo di baronetto dalla Regina Elisabetta.

“Il mondo musicale e operistico ha perso con Sir Peter Jonas un grande uomo. Per decenni ha plasmato il teatro musicale e la vita concertistica con coraggio, originalità, energia e un'incontenibile voglia di rischiare”, ha dichiarato Nikolaus Bachler, attuale sovrintendente dell’Opera di Stato Bavarese e successore di Jonas. Ricordando l’importanza attribuita da Jonas alla parte visiva, Bachler ha aggiunto: “Dalla fine dell’era Jonas, il pubblico di Monaco ascolta (anche) con gli occhi. Ci mancherà e lo ricorderemo con gratitudine in tutto il mondo e soprattutto a Monaco di Baviera".

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Allo Sperimentale di Spoleto un Rigoletto portato in scena come una spietata partita a scacchi, che offre anche la soluzione per rispettare le norme contro il contagio

classica

Dopo la grave malattia che l’aveva costretta alla sospensione dalla direzione artistica del festival wagneriano, è stato annunciato il suo ritorno dal 21 settembre

classica

Al via il 20 settembre la manifestazione organizzata dall’Accademia internazionale di Imola Incontri con il Maestro