Prato: lo Sguardo Avanti

La stagione della Camerata Strumentale Città di Prato

News
classica
Pietro De Maria
Pietro De Maria

Lo Sguardo Avanti è il motto scelto dal direttore artistico Alberto Batisti per la stagione concertistica 2021 – 2022 della Camerata Strumentale Città di Prato al Teatro Politeama di Prato, uscita con un profilo rafforzato dalla bella esperienza dell’iniziativa Dante 700 di cui abbiamo dato notizia sul GdM, e pronta per un cartellone che come sempre, sotto la guida prevalente del direttore principale Jonathan Webb, propone un cartellone originale e ben equilibrato fra classici, Novecento storico e autori più recenti.

L'apertura della stagione è stata preceduta da un’anteprima, giovedì 21 ottobre scorso, in cui il violinista e direttore Hugo Ticciati e gli archi della Camerata hanno proposto, oltre alla beethoveniana Canzona di ringraziamento dal Quartetto in la minore op. 132 e alle Variazioni su un tema di Frank Bridge op. 10  di Benjamin Britten, autore da sempre prediletto di questa formazione,  una pregevole proposta contemporanea, Distant Light, Concerto per violino e orchestra d’archi di Peteris Vasks.

La stagione vera e propria inizia con Webb sul podio, il 17 e 18 novembre per l’integrale dei concerti pianistici beethoveniani con Pietro De Maria solista, già programmata per il 250.mo del 2020 e recuperata adesso. Fra gli altri appuntamenti (nove in tutto a cadenza più o meno mensile) segnaliamo almeno le due serate bachiane nella chiesa di San Francesco dirette da Claudio Novati con la partecipazione del baritono Mauro Borgioni per le due cantate BWV 82 e 56 e altre pagine scelte; l’interessantissimo programma del 24 febbraio in cui Webb e la Camerata insieme all’Ensemble Tetraktis si avventurano nel mondo delle musiche di scena con la suite di musiche per il Pélleas et Mélisande di Sibelius e per il Borghese Gentiluomo di Richard Strauss; e l’appuntamento finale del 12 maggio con l’esecuzione in forma di concerto (sempre Webb sul podio) dell’Orfeo ed Euridice di Gluck, con Antonio Giovannini Orfeo, Rachael Birthisel Euridice, Sophie Gallagher Amore, e il coro Città di Prato istruito da Elia Orlando.

Da ricordare Il Club delle 18.45, tradizionale appuntamento ad ingresso libero al Politeama per l’incontro introduttivo al concerto tenuto da Alberto Batisti. Info.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

L’attuale sovraintendente della Staatsoper di Berlino sostituirà Andreas Homoki all’Opernhaus di Zurigo dal 2025

classica

A Salisburgo presentato il programma del Festival di Pentecoste diretto da Cecilia Bartoli che sarà dedicato alle musiche ispirate alla città iberica

classica

Una nuova stagione concertistica all’Auditorium Lo Squero e diversi concerti di musiche orientali