Parigi: ambientalista interrompe il Flauto Magico

Dopo i blitz ai musei ora tocca all'opera

News
classica
La protesta sul palco dell'Opèra Bastille
La protesta sul palco dell'Opèra Bastille

Dopo Monet, Van Gogh e Vermeer questa volta è toccato a Mozart. Venerdì sera all'Opèra Bastille di Parigi un ambientalista di  Dèrniere Rénovation è salito sul palcoscenico  durante il secondo atto del Flauto Magico e con un lucchetto si è incatenato a una scala, indossava una maglietta bianca con la scritta "ci restano solo 879 giorni" poi è stato sommerso dai fischi e dai buu del pubblico. Lo spettacolo è stato sospeso per dodici minuti, il giovane liberato e fatto uscire, e la recita è ripresa.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il passato del musicista rivive al presente

classica

 "Musica Spaziale – La musica policorale come strumento di seduzione sonora" è il progetto proposto dalla Associazione L’Homme Armé 

classica

Al gala al Teatro Réal di Madrid premiati, fra gli altri, i cantanti Sabine Devieilhe e Stéphane Degout, Daniele Rustioni per la direzione d’orchestra, il regista Stefan Herheim, lo scenografo Michael Levine e il mezzosoprano Janet Baker per la carriera