Met Jazz al futuro

Il programma di Metastasio Jazz a Prato si dedica al "futuro del jazz italiano" 

News
jazz
Metastasio Jazz Zoe Pia
Zoe Pia

Parla di futuro – "Il futuro del jazz italiano", come da titolo – la ventiseiesima edizione di Metastasio Jazz a Prato, che prosegue fino al 14 giugno con un pugno di concerti principali e un programma off.

«Quest’anno abbiamo deciso senza esitazioni di far conoscere al pubblico un cartellone ricco di nomi affermati, di alto profilo e di fresca creatività, anche se meno altisonanti», ha spiegato il direttore artistico Stefano Zenni.

E allora spazio al pianista Andrea Goretti, in double bill con il trio di Filippo Vignato (31 maggio alle 19 al Teatro Metastasio), ai fiati e all'elettronica di Zoe Pia con il progetto Shardana, abbinato a Paolina e l’androide del quartetto di Giovanni Benvenuti (7 giugno). 

Infine, Lapsus Lumine – ovvero Stefano Risso con le voci di Marta Del GrandiSabrina Oggero VialeErika Sofia Sollo, qui esteso alla partecipazione di Vincenzo Vasi, e MAT (ovvero Marcello Allulli, Francesco Diodati ed Ermanno Baron).

Nel programma OFF segnaliamo almeno Elisa Mini, il trio di Nazareno Caputo, intriso di umori contemporanei e le presentazioni di Dexter Gordon. Sophisticated Giant di Maxine Gordon, con Francesco Martinelli, e di La scuola che sognavo. La musica come bene comune, il jazz come dialogo di Bruno Tommaso, con l'autore e con Stefano Zenni.

    Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

    jazz

    Il meglio del jazz del mese scelto dai giornalisti dello Europe Jazz Media

    jazz

    Iseo Jazz 2021 con Ferra, Zambrini, Intra, JW Orchestra e tanti altri i protagonisti, dal 4 all’11 luglio

    jazz

    Dal 5 al 25 giugno la sesta edizione di CremonaJazz ritorna all’Auditorium del Museo del Violino