Lo Spettacolo dal vivo è un luogo sicuro

L'appello della Filarmonica Toscanini

News
classica
La Filarmonica Toscanini
La Filarmonica Toscanini

Riceviamo e volentieri pubblichiamo:

«La Toscanini lancia l’hashtag #SpettacoloDalVivoLuogoSicuro, condividendo lo studio di AGIS - ASSOCIAZIONE GENERALE ITALIANA DELLO SPETTACOLO e l’appello a diramarne i contenuti sui propri canali social e sulle piattaforme virtuali.

Un solo spettatore su 347.262 è risultato positivo al Coronavirus nei 2.782 spettacoli monitorati tra lirica, prosa, danza e concerti nel periodo che va dal 15 giugno (giorno della riapertura dopo il lockdown) ad inizio ottobre. Il risultato emerge da uno studio dell’Associazione Generale Italiana dello Spettacolo (AGIS) su un campione interamente rappresentativo della pluralità dei generi e dei settori dello spettacolo dal vivo e che copre tutto il territorio nazionale.

Realizzato sulla base delle segnalazioni pervenute dalle ASL territoriali, anche grazie all’app Immuni, lo studio ha individuato un solo “caso positivo”, e in seguito ad accertamenti sanitari ha certificato peraltro la negatività di tutti gli spettatori entrati in contatto con lo stesso.

Con una media di 130 presenze per ciascun evento esaminato, questa percentuale, di fatto pari allo zero e assolutamente irrilevante, testimonia quanto i luoghi che continuano ad ospitare lo spettacolo siano assolutamente sicuri.

L’assenza di casi dal giorno in cui sono state riprese le attività di spettacolo, se correlata alla curva crescente di contagi che purtroppo sta colpendo il nostro Paese nelle ultime settimane, evidenzia quindi come il settore dello spettacolo sia stato, in termini di sicurezza, assolutamente “virtuoso”, grazie alla professionalità degli operatori dello spettacolo e al senso civico degli spettatori presenti».

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Assegnati a Londra gli Olivier Award, i massimi riconoscimenti del teatro britannico

classica

Un mese di stop nel nuovo DPCM

classica

Un appello contro la chiusura dei teatri