La stagione 2022-2023 del Teatro alla Scala

Si apre con Boris Godunov di Musorgsky un cartellone che offre oltre 250 spettacoli tra opera, balletto e concerti

News
classica
Teatro alla Scala di Milano
Teatro alla Scala di Milano

Il 7 dicembre Boris Godunov di Modest Petrovich Musorgsky con la direzione di Riccardo Chailly e la regia di Kasper Holten apre una ricca stagione con più di 250 spettacoli destinati a un pubblico ampio e diversificato. Accanto ai 14 titoli d'opera e agli 8 di balletto si confermano tutti i cicli concertistici (sinfonica, orchestre ospiti, recital di canto e pianoforte) e gli spettacoli per i più piccoli con tante novità.

Oltre al capolavoro di Musorgsky la stagione d’opera offre grandi classici di Verdi (I Vespri siciliani, Macbeth), Rossini (Il barbiere di Siviglia), Donizetti (Lucia di Lammermoor), Puccini (La bohème) e Giordano (Andrea Chénier) ma anche rarità come Li zite ‘ngalera di Leonardo Vinci e L’amore dei tre re di Italo Montemezzi, attraversando due secoli di storia del melodramma: dal barocco napoletano al Novecento. Nel repertorio internazionale, tornano pietre miliari come Salome di Richard Strauss, Les contes d’Hoffmann di Offenbach, Le nozze di Figaro di Mozart e Peter Grimes di Britten, oltre a Rusalka di Dvořák in scena per la prima volta alla Scala.

La stagione di balletto si apre a dicembre con Lo schiaccianoci di Nureyev, di cui ritroviamo anche Il lago dei cigni. Classici come Le Corsaire (coreografia di Manuel Legris) o Romeo e Giulietta di MacMillan si alternano a importanti nomi di oggi: David Dawson, Nacho Duato, Philippe Kratz e Jiří Kylián (uniti in un’unica serata), William Forsythe con Blake Works I / V e John Neumeier con il trittico dedicato a Aspects of Nijinsky. L’omaggio a Carla Fracci si rinnova con la seconda edizione del Gala a lei dedicato.

Si confermano i cinque cicli di concerti (stagione sinfonica, orchestre ospiti, recital di piano, recital di canto, musica da camera) con maestri del calibro di Riccardo Chailly, Daniele Gatti, Zubin Mehta, Daniel Harding, Antonio Pappano o John Eliot Gardiner e pianisti come Maurizio Pollini, Evgeny Kissin, Yuja Wang, Khatia Buniatishvili, Jan Lisiecki, Rudolf Buchbinder o Igor Levit.

Tutti i dettagli sul cartellone completo, sui singoli spettacoli e sulle formule di abbonamento sono disponibili sul sito www.teatroallascala.org.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

A Bergamo dal 16 novembre 2023 al 3 dicembre, “Il diluvio universale”, “Alfredo il Grande” e “Lucie de Lammermoor” oltre a “LU Opera Rave” e “Il piccolo compositore di musica” del maestro Mayr nel festival dedicato al compositore

classica

Aspettando la prima del Boris Godunov al Teatro alla Scala, il Museo del Fumetto di Milano propone una mostra fra opera e fumetti

classica

A Düsseldorf consegnati gli annuali premi tedeschi per il teatro. Ad Achim Freyer il premio per la carriera