Il viaggio musicale della Filarmonica Marchigiana

Dal 13 gennaio al via la stagione 2024 della FORM-Orchestra Filarmonica Marchigiana, con undici concerti tra Ancona, Jesi, Fabriano e Macerata

News
classica
FORM-Orchestra Filarmonica Marchigiana (foto Alfredo Tabocchini)
FORM-Orchestra Filarmonica Marchigiana (foto Alfredo Tabocchini)

Un ideale viaggio tra stili, suggestioni folkloriche, atmosfere musicali: così è pensata la stagione 2024 della FORM-Orchestra Filarmonica Marchigiana, da gennaio a maggio in quattro città della regione- Ancona, Jesi, Fabriano, Macerata- attraverso undici eventi concertistici, con musiche di autori e luoghi distanti nel tempo e nello spazio,  presentati secondo programmi tematici che esplorano le peculiarità stilistiche di ognuno e che vedranno avvicendarsi direttori e solisti di rilievo.

Si inizia il 13 gennaio con "Austria felix", concerto che vede impegnati la violoncellista Erica Piccotti nel concerto n.1 di Haydn e György Györiványi Ráth alla direzione con le  Variazioni su un tema di Haydn di Brahms e la Quinta di Beethoven. Sempre a gennaio Manlio Benzi dirigerà un repertorio dedicato alla Russia con Nelle steppe dell'Asia centrale di Borodin, la Quinta di Čajkovskij e Gianluca Luisi al pianoforte nel concerto n. 1 di Rachmaninov.

I due appuntamenti di febbraio vedono ancora la centralità del pianoforte, con "Klavierabend: nel cuore dell'Europa", protagonista Michele Campanella solista e alla direzione, con tre concerti per pianoforte (Schumann, Weber e il n. 25 di Mozart); e "Venti dell'Est", direttore Carlo Rizzi, con le Danze Rumene di Bartók, la Sinfonia "Praga" di Mozart, musiche di Zygmunt Krauze e il secondo concerto di Chopin, eseguito da Andrea Lucchesini al pianoforte.

Alla Spagna è dedicato il concerto con il chitarrista Eugenio Della Chiara e il mezzosoprano Mariangela Marini, direttore Jordi Bernàcer, nel Concerto di Aranjuez di Rodrigo, le Canciones populares  di Federico Garcìa Lorca e El amor brujo di De Falla. Poi il focus si sposterà a Vienna  ("Pasqua viennese"), con Umberto Benedetti Michelangeli che dirigerà l'lncompiuta di Schubert e la versione per orchestra delle Ultime sette parole di Cristo sulla croce di Haydn. Gli appuntamenti di marzo si concludono con un ideale viaggio a Parigi, con l'ouverture dall'Olympie di Spontini, la Sinfonia in do maggiore di Bizet e il secondo Concerto di Paganini, solista Stefan Milenkovich e direttore Alessandro Bonato.

I tre appuntamenti di aprile si spostano in Germania: "Viaggio sul Reno" è il titolo del concerto diretto da Luigi Piovano con la Sinfonia "Renana" di Schumann  e il secondo concerto per pianoforte di Brahms, solista Boris Petrušanskij; e "Berlino" quello con la prima sinfonia di Mendelssohn, l’Ouverture, scherzo e finale di Schumann e il primo concerto per clarinetto di Weber, solista Kevin Spagnolo e direttore Diego Ceretta. E poi "Il giro del mondo in un concerto" con musiche che spaziano da Brahms, a Bartók, Bizet, Čajkovskij, Joplin, Piazzolla, dirette da Pietro Consoloni.

Conclude un concerto in collaborazione con Associazione SpazioMusica-Ancona Jazz festival intitolato "Galliano: da Buenos Aires a Parigi", con musiche di Galliano e Piazzolla dirette da Aram Khacheh,  con Richard Galliano al bandoneon.

Tutte le date e le location in www.filarmonicamarchigiana.com.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il 22 febbraio in diretta su Radio3 e il 23 anche in live streaming, in programma il 1° Concerto per pianoforte di Brahms, solista Dmytro Choni

classica

Fino ad aprile i corsi offrono residenze artistiche di 5 giorni e a febbraio il webinar “Training Course for Quartets On Sustainable Events”

classica

Il 16 marzo la Casa di Riposo “Giuseppe Verdi” di Milano ospiterà la finale della II edizione del concorso indetto dal comitato AMUR