Il jazz riparte (ancora) dall'Aquila

Torna Jazz italiano per le Terre del Sisma, per un'edizione speciale con un trekking e due giorni di festival all'Aquila, con 200 musicisti

News
jazz
Foto di Paolo Soriani - Jazz italiano per le terre del sisma
Foto di Paolo Soriani

Da evento speciale nato nel 2015 Jazz italiano per le Terre del Sisma si è trasformato negli anni in una specie di Who’s who del jazz italiano: l’occasione di contarsi, di rivedersi, di fare il punto su molte cose. L’occasione è tanto più speciale in questo 2020, e il festival itinerante diventa anche la celebrazione di una ripartenza del settore, e il banco di prova di un evento di ampio respiro.

Il percorso di quest’anno prende il via il 29 agosto da Camerino, con una “marcia solidale” tra Marche, Umbria, Lazio e Abruzzo: un trekking nelle terre del sisma punteggiato di concerti che terminerà il 5 settembre. Il 5 e il 6, all’Aquila, si incontreranno infine oltre 200 musicisti da tutta italia, su 10 palchi.

Inutile tentare una lista dei partecipanti: ci sono – all’apparenza – tutti: si segnalano una produzione originale dell’Orchestra del Conservatorio dell’Aquila con Enrico Intra e omaggi a Gianni Lenoci, Aldo Bassi e Carlo Conti, recentemente scomparsi. Premi alla carriera a Franco Fayenz, Guido Manusardi e Amedeo Tommasi, il premio Giovani Visionari a Evita Polidoro, e anche un ricordo di Mario Guidi in cartellone.

Cambia la direzione artistica, con Paolo Fresu che passa il testimone a Ada Montellanico (anche in veste di presidente dell’Associazione Il Jazz Va a Scuola), Simone Graziano (presidente dell’Associazione Musicisti Italiani di Jazz) e Simone Linzi (direttore artistico della Casa del Jazz e di JAZZMI). Organizzano, come al solito, Federazione Nazionale “Il Jazz Italiano” con il coordinamento di I-Jazz, con il contributo di Casa del Jazz e Movimento Tellurico, con alle spalle varie sigle ed enti, dal Mibact a SIAE, main sponsor.

– Leggi anche: Per una comunità del jazz italiano: Simone Graziano presidente Midj

«Quando nel 2015 partimmo con l’idea di portare il jazz all’Aquila in segno di solidarietà per i territori colpiti dal sisma – ha spiegato il Ministro Dario Franceschini – «doveva essere un evento unico ed eccezionale. Adesso è ancora più importante continuare perché questo Festival diventa simbolicamente un momento di ripartenza per un settore che sta attraversando una profonda crisi».

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

jazz

La selezione del jazz del mese secondo i giornalisti dello Europe Jazz Network

jazz

L'edizione numero 44 sarà trasmessa in streaming HD: otto concerti, a partire dal 10 novembre

jazz

In un'intervista al New York Times il pianista ha rivelato di essere stato colpito da un ictus, e di essere parzialmente paralizzato