Il Festival della Piana del Cavaliere riflette sul tempo

A Orvieto dal primo all'11 settembre

News
classica
Il Coro Giovanile Italiano
Il Coro Giovanile Italiano

Sarà il Coro Giovanile Italiano ad inaugurare il 2 settembre alle 21 nel Duomo di Orvieto la sesta edizione del Festival della Piana del Cavaliere Orvieto Festival con la direzione artistica di Anna Leonardi.

Il tema quest'anno è "Quando è il presente", spiega la direttrice artistica: «Intrappolato tra il passato e il futuro, nell’istante prende forma il nostro stare al mondo, nella trasformazione artistica che in continuo movimento ci rende presenti a quello che viviamo. Partecipi del nostro tempo, nulla di ciò che ci appartiene si presenta se non come da trascorrere o già trascorso, a parte quel sottile momento di passaggio, quell’istante di fragilità che l’artista conosce così bene e che ci ricorda di essere tutti, sempre, quando è il presente».

Il 3 settembre nella Sala Città Slow di Palazzo dei Sette omaggio a Pasolini e Fenoglio nel centenario della nascita con la conferenza dei critici letterari Milly Curcio e Luigi Tassoni "Quando la memoria è il presente". Al Teatro Mancinelli si festeggia un altro centenario, quello del "Monello" di Chaplin  con la proiezione del film e la sonorizzazione dal vivo con la pianista Maud Nelissen. Tra gli altri opliti il Trio Chagall, la Georgian Chamber Orchestra, il 7 settembre i due violoncellisti Anssi Kartunnen e Claudio Pasceri con la Filarmonica Vittorio Calamani eseguiranno un brano per due violoncelli e orchestra commissionato ad un giovane compositore ( il concerto verrà replicato in autunno a Torino).

Così la direttrice artistica spiega le novità in programma: «Abbiamo pensato di dare vita a un piccolo filone di concerti che intitoleremo “concerti del mattino” e che vogliono essere un momento musicale alternativo all’ascolto in Teatro, in luoghi non convenzionali, come per esempio Orvieto Underground o i luoghi più rappresentativi della città, nei quali presentare progetti crossover. Citerò due protagonisti di questi concerti di metà giornata: la Georgian Chamber Orchestra che torna nel nostro festival portando un sentimento del presente completamente diverso dal nostro e lo fa eseguendo la musica del loro paese d'origine; poi, l’ensemble Le fil Rouge che presenta un programma di musica popolare facendo immergere il pubblico nelle sonorità della musica di tradizione, da loro rivista e trascritta, con un occhio attento al presente musicale. Altra novità di questa programmazione sono le introduzioni ai concerti. Ogni concerto serale avrà una sua introduzione a cura di esperti del settore, musicologi, critici di teatro, esperti di cinema e musica da film, specialisti nella musica d’oggi. Credo fortemente che un'introduzione agli eventi possa garantire un maggior coinvolgimento e una maggior preparazione del pubblico che quindi potrà godere maggiormente di quello che poi andrà ad ascoltare, a vedere».

Una riflessione sul tempo è lo spettacolo BHB- La discesa di Amleto nel Maelstrom con il musicologo Guido Barbieri, la pianista Silvia Paparelli, la compositrice Roberta Vacca, il live elettronica di Federico Martusciello e la fisica del CNR Margherita Cappelletto. Chiusura l'11 settembre con il violinista Giuseppe Gibboni, vincitore del "Paganini" che si esibirà con l'Orchestra Filarmonica Vittorio Calamai.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Concerto di beneficenza in memoria della pianista

classica

Dal 28 agosto torna il festival elbano con il ritorno di Martha Argerich e la "prima volta" di Mischa Maisky

classica

Ritorna dal 3 all’11 settembre la manifestazione promossa a Padova da Barco Teatro